I consigli della Nutrizionista

Alimentazione e malattie neurodegenerative

Your ads will be inserted here by

Easy Plugin for AdSense.

Please go to the plugin admin page to
Paste your ad code OR
Suppress this ad slot.

Recenti studi hanno confermato come ci sia un nesso tra alimentazione e malattie neurodegenerative.
Come conferma la dottoressa Paola Merlo, responsabile dell’Unità Operativa di Neurologia di Humanitas Gavazzeni Bergamo, un’alimentazione povera di grassi e colesterolo ma ricca di fibre e antiossidanti, quindi frutta e verdura, può proteggere da patologie degenerative come le demenze, in particolare l’Alzheimer.

Emerge anche il ruolo dei grassi insaturi, contenuti ad esempio nell’olio d’oliva, fattore neuroprotettivo capace di modulare o addirittura diminuire l’attività infiammatoria di malattie come la sclerosi multipla.

L’alimentazione può rafforzare l’effetto dei farmaci o viceversa ridurlo. Nel morbo  di Parkinson, ad esempio, una dieta ricca di proteine e grassi può contrastare l’effetto della levodopa, farmaco utilizzato per la cura di questa malattia, mentre frutta e verdura ne facilitano l’assorbimento.

La carenza di zuccheri, invece, può peggiorare i problemi neurologici, così come l’alcol in eccesso.

Un’adeguata alimentazione può, quindi, aiutare a gestire meglio queste patologie evitando complicanze, anche se non evita del tutto i danni neurologici.

Dott.ssa Elisa Fiore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *