I funghi sono tra i prodotti spontanei della natura tipici del periodo autunnale. Una delle specie commestibili più apprezzate è sicuramente quella dei porcini, appartenente al genere boletus, di cui il migliore e più pregiato è il boletus edulis. In Italia crescono soprattutto nei boschi di conifere e latifoglie, oppure in quelli di faggi, querce e castagni. Siccome non sono coltivabili, per trovarli sul mercato bisogna attendere il periodo in cui è più facile raccoglierli, ovvero dalla fine di giugno a tutto il mese di novembre. Adatti in cucina per diverse preparazioni, sono indicati anche per un primo delicato e gustoso, le pappardelle profumate ai funghi porcini.

Come scegliere i migliori funghi porcini.

Quando bisogna comprare dei funghi, si consiglia di optare per quelli che presentano il gambo resistente e la polpa soda. È preferibile consumarli il prima possibile poiché tendono ad ammuffire in poco tempo.

Risotto giallo ai funghi porcini

In caso di funghi appena raccolti, di solito si possono cucinare entro un paio di giorni, mentre se sono quelli acquistati al supermercato o all’ortofrutta è meglio non attendere più di un giorno. In questo caso vanno puliti a fondo e sistemati in alcuni fogli di carta da cucina, quindi vanno posizionati in frigorifero, nella parte meno fredda.

Pappardelle profumate ai funghi porcini: la ricetta

Dopo i consigli sull’acquisto e la conservazione dei funghi, vediamo quali sono gli ingredienti e i vari passaggi della preparazione delle pappardelle profumate ai porcini.

Ingredienti per 4 persone:

  • 400 grammi di pappardelle fresche all’uovo
  • 400 grammi di funghi porcini
  • 5 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • 2 spicchi d’aglio
  • 2 rametti di prezzemolo
  • Sale e pepe

Preparazione:

Cominciate dai funghi, rimuovendo i residui di terra dai gambi, per poi pulirli con della carta da cucina leggermente umida. Tagliateli in varie fettine verticali, cercando di comprendere in ogni porzione sia il gambo che la testa. A questo punto, sbucciate l’aglio, prendete uno spicchio e strofinatelo su un’ampia padella antiaderente. Versatevi l’olio extravergine di oliva e lasciate dorare per circa un minuto l’altro spicchio d’aglio, quindi toglietelo.

Nella padella versate i funghi porcini tagliati a fettine, aggiungete un pizzico di sale e fate rosolare per 2 minuti per lato, girandoli accuratamente con 2 cucchiai o – ancora meglio – con una pinza da cucina. A questo punto potete aggiungere il prezzemolo, 2-3 cucchiai di acqua calda e lasciar cuocere per altri 2 minuti circa.

Fatto ciò arriva il turno della pasta. Lessate le pappardelle in acqua salata abbondante almeno fino a quando non risulteranno morbide ma non troppo, quindi sempre al dente. Quando andrete a scolare, non dimenticate di conservare un pochino di acqua della cottura. A questo punto passate le pappardelle nel tegame dove ci sono i funghi e fate in modo che gli ingredienti si amalgamino e prendano sapore lasciandoli cuocere insieme per un minutino a fiamma media. Mescolate e, a seconda della consistenza che desiderate, versate anche l’acqua di cottura.

Le pappardelle non devono essere troppo morbide.

Terminata la preparazione delle pappardelle profumate ai funghi porcini, aggiungetevi un pochino di pepe e portate a tavola quando saranno ancora ben calde.

Facebook Comments