Un’altra prelibatezza da gustare durante le festività natalizie: è il pandoro di pizza e consiste in una margherita a forma del tradizionale dolce di Natale.

Per gli amanti del pandoro ormai c’è sempre più l’imbarazzo della scelta: tante le innovazioni e le varianti da portare in tavola durante queste feste. Quest’anno il dolce veronese è diventato fonte di ispirazione non solo per i pasticceri.

Il pandoro di pizza

Non solo dolci infatti, come dimostra quest’ultima invenzione che ha la classica forma del pandoro, ma presenta tutti gli ingredienti canonici della pizza napoletana.

Il pandoro fatto di pizza è una proposta della pizzeria “Mamma Mia” di Cassino, in provincia di Frosinone, al confine tra Lazio e Campania.

Il ripieno di questa novità gastronomica viene presentato così sulla pagina Facebook della pizzeria: impasto di pane raffermo, cacio e pepe, frittatina di pasta al ragù, cuore di burrata pugliese di bufala.

Il pandoro di mozzarella

Un’altra invenzione arriva da un ristorante della provincia di Caserta, che propone ai suoi clienti un pandoro fatto di mozzarella di bufala. Si tratta di un latticino vero e proprio, di una mozzarella, che ha però la forma del pandoro.

Per gustare il prelibato pandoro di mozzarella è necessario recarsi al ristorante Casa Maryà; è una specialità esclusiva realizzata unicamente per gli ospiti.

Pandoro di mozzarella e pandoro di pizza

Si è generata una grande curiosità intorno a queste novità; sui social network hanno collezionato centinaia di like e dato vita a decine e decine di commenti e condivisioni.

E il panettone?

A Pompei sono stati ideati alcuni panettoni salati ripieni di melanzane, pomodori secchi, olio extra vergine di oliva e aglio oppure funghi porcini, provolone, carne di maiale essiccata e peperoncino.

E infine quest’anno ha fatto il suo ingresso anche lo Ndujattone, il panettone calabrese farcito con la Nduja di Spilinga.

Facebook Comments