Enoteca Pinchiorri: i suoi vini pregiati andranno all’asta

0
1274
I vini dell'Enoteca Pinchiorri saranno venduti all'asta.

Il 12 settembre a Londra si terrà una vendita all’incanto che sicuramente catturerà le attenzioni di tutti gli appassionati di vini di èlite e maestri sommelier del mondo. La casa d’aste statunitense Zachys (specializzata proprio nel vino) approderà per la prima volta in Europa e il suo sarà un debutto prestigioso perché si occuperà delle pregiate bottiglie di vino dell’Enoteca Pinchiorri. Si tratta di un ristorante tre stelle Michelin di Firenze famoso in tutto il mondo non solo per la sua cucina d’alta scuola, ma anche e soprattutto per la preziosa cantina che vanta più di 60mila bottiglie raccolte con cura e amore nel corso degli anni dallo storico proprietario, Giorgio Pinchiorri.

Il catalogo ufficiale stilato da Zachys in occasione dell’evento del 12 settembre conta più di 864 lotti (si parla di almeno 2.500 bottiglie) il cui valore totale è stimato intorno ai 2 milioni di euro. Nella presentazione della vendita all’asta è stato inserito anche un intervento di Giorgio Pinchiorri, il quale non ha nascosto che per lui è stata una decisione dolorosa quella di doversi separare dalla sua pregiata collezione. Ha dichiarato che prima di sistemare le bottiglie nelle casse dell’azienda statunitense le ha baciate ad una ad una: «E ho pianto, sia con gli occhi che con il cuore».

All’asta la cantina di vini pregiati di Joe Bastianich

Non c’è da sorprendersi della reazione del titolare dell’Enoteca Pinchiorri che fin dagli anni Sessanta ha visto nascere e crescere la sua passione per il vino, ossia quando ha scoperto la professione del sommelier «e non ho desiderato fare altro nella vita». Nel 1972 ha aperto i battenti l’Enoteca Nazionale che in un primo momento affiancava a dei vini scrupolosamente selezionati dei taglieri di formaggi e salumi tipicamente toscani. Nel 1979 il progetto si è ampliato e il locale è diventato un ristorante a tutti gli effetti, e la responsabile della cucina era la francese Annie Féolde, moglie del patron.

Giorgio Pinchiorri, patron dell’omonimo ristorante.

Gli anni Ottanta sono stati gli inizi dello splendore dell’Enoteca Pinchiorri che è diventata un ristorante di rilievo con una cantina sempre più rinomata e ricca. Nel 1982-1983 sono arrivate le prestigiose stelle Michelin, e nel 1984 per la prima volta un’azienda di ristorazione italiana si è aggiudicata il premio Wine Spectator per la sua esclusiva selezione di vini. Dopo aver conquistato e perso la terza stella Michelin, a partire dal 2004 è stata regolarmente confermata con lo chef Riccardo Monco e la gestione dell’attività dei coniugi Pinchiorri.

I vini più importanti dell’Enoteca Pinchiorri presenti nel catalogo d’asta

È impossibile menzionare tutte le 2.500 bottiglie provenienti dalla cantina dell’Enoteca Pinchiorri che il 12 settembre andranno all’asta. Innanzitutto, è necessario sottolineare che l’eccezionalità di questa collezione deriva dal fatto che il proprietario del ristorante in questi anni ha acquistato le bottiglie direttamente dai produttori, e ciò si è verificato sempre per le varietà italiane, e nel 75% dei casi per quelle francesi. Nel catalogo diffuso da Zachys vengono presentati tra i lotti più pregiati due magnum di Vosne-Romanée Cros-Parantoux Reserve Henri Jayer 1999, la cui base d’asta è di 66mila – 110mila euro.

Zachys, casa d’aste americana specializzata in vini e liquori.

Subito dopo troviamo due bottiglie di Romanée-Conti Domaine de la Romanée-Conti 1990, valore stimato tra 24mila e 32mila sterline. Sono ben nove, invece, i pezzi di Mouton Rothschild 2000 che verranno messi in vendita a partire da una quota di 10mila – 15mila sterline. Oltre ai nomi più celebri del settore verranno proposti dei vini da autentica collezione per gli intenditori che apparterranno non solo ad etichette famose in tutto il mondo, ma anche a vignaioli meno noti la cui eccellenza è stata portata alla ribalta proprio dalle conoscenze e dalla competenza di Giorgio Pinchiorri.

Facebook Comments

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.