Ciambella: incontro con l’americano che l’ha inventata

0
138

I consumatori statunitensi mangiano più di 10 miliardi di ciambella all’anno, secondo il Simmons National Consumer Survey, mentre un incredibile 96% degli americani afferma di apprezzare le ciambelle.

Da dove ha origine la ciambella?

Il capitano di mare del Maine Hanson Gregory ha ispirato un’amata icona culinaria americana quando ha inventato la ciambella da adolescente galeotto a bordo della Ivanhoe il 22 giugno 1847. Ma il contributo duraturo di Gregory alla cultura culinaria americana è rimasto in gran parte non riconosciuto, a parte l’epiteto sulla sua umile lapide in un piccolo e isolato cimitero di marinai a Quincy, Massachusetts, che domina il porto di Boston, dove visse i suoi ultimi anni.

La ciambella compie 175 anni

Gli amanti delle ciambelle celebrano il National Donut Day il primo venerdì di giugno – 3 giugno 2022, quest’anno – in onore dei membri dell’Esercito della Salvezza che hanno dato da mangiare agli anelli fritti di pasta fritta ai soldati americani in Europa durante la prima guerra mondiale. Anche il mondo culinario dovrebbe celebrare un’altra pietra miliare alla fine di questo mese. La ciambella compie 175 anni il 22 giugno. Il capitano di mare è sepolto in un cimitero di marinai a Quincy, Massachusetts, che si affaccia sul porto di Boston; questa lapide rileva il suo contributo culinario in America. (Kerry J. Byrne/Fox News Digital. Quello fu il giorno, nel 1847, in cui l’adolescente marinaio Gregory pensò a una soluzione innovativa a un problema che affliggeva l’affamato equipaggio del veliero Ivanhoe. L’impasto che veniva fritto in calderoni di strutto era stato servito per secoli ai marinai sui mari. I cuochi olandesi hanno realizzato una versione notevole chiamata torte oleose.

Non è la ciambella come sappiamo oggi

Era “solo una grossa massa di pasta”, ha detto Miller a Fox News Digital. “Il centro rimarrebbe unto e parzialmente cotto.” Erano così densi, pastosi e crudi che “i marinai li chiamavano platine”, ha detto. Gregory, all’epoca appena 15enne, fu colpito dall’idea di alleggerire la zavorra. Tolse il coperchio da un barattolo di latta a tenuta stagna che veniva usato per conservare il pepe nella cucina della nave. “L’ha usato come un tagliabiscotti. Ha ritagliato il centro delle torte oleose”, ha detto, mentre mostrava una lattina di spezie in latta del XIX secolo, con il coperchio a spigoli vivi. “Poi, quando [le torte] sono state fritte, sono state completamente fritte. L’idea ha preso piede. Si è diffusa in tutto il mondo perché i marinai lo dicevano ai marinai”. Ha scritto nel suo libro, “I cuochi delle navi ora servivano torte bucate” invece di torte oleose. La madre di Hanson ha introdotto l’innovazione ai proprietari terrieri, vendendoli al negozio di un amico nella loro nativa Midcoast Maine, ha detto Miller.

“I primi buchi mai visti da occhi mortali!” Capitano Hanson Gregory

“Beh, signore, quelle ciambelle erano le più belle mai assaggiate”, disse un anziano capitano Gregory a The Patriot Ledger di Quincy, Mass., in un’intervista del 1916, poiché nei suoi anni d’oro ottenne il riconoscimento per la sua invenzione di anni prima. L’autore del Texas Pat Miller ha scritto il libro per bambini del 2016, “The Hole Story of The Doughnut”, che racconta la vita del capitano Hanson Gregory, con illustrazioni di Vincent X. Kirsch (Editori HarperCollins). “Niente più indigestione – niente più platine – solo ciambelle ben cotte e fritte. Proclamò che erano “, i primi buchi mai visti da occhi mortali!”

Quincy, Messa: Casa spirituale della ciambella

L’influenza della ciambella sulla cultura americana era appena iniziata. L’imprenditore dell’area di Boston William Rosenberg aprì il primo Dunkin’ Donuts nel 1950 a Quincy, a meno di un miglio in linea d’aria dal cimitero dei marinai dove il capitano Gregory riposa dal 1921. La vicinanza del luogo di sepoltura del produttore di ciambelle originale e la nascita della catena di ciambelle più grande e famosa della nazione, sembra non essere altro che una bizzarra coincidenza. Il primo Dunkin’ Donuts, fondato a Quincy, Mass., nel 1950, rimane oggi un’attrazione lungo la strada che attira visitatori da luoghi lontani come l’Arabia Saudita, ha affermato il franchisee Victor Carvalho. (Inzuppando).

La famiglia Carvalho ora possiede la sede originale di Dunkin’

Ancora nello stesso posto in cui era nel 1950, aperta 24 ore al giorno, sette giorni alla settimana. È una sorta di attrazione turistica, che attira gli amanti delle ciambelle da lontano come l’Arabia Saudita, ha detto a Fox News Digital il franchisee Victor Carvalho. “Abbiamo un enorme debito di gratitudine con Gregory”, ha detto la famiglia. Scott Logan è incaricato della cura della tomba di Gregory come capo del dipartimento dei cimiteri della città di Quincy.

Una varietà di ciambelle è mostrata da vicino

Dunkin oggi ha 12.600 negozi di ciambelle in 40 paesi, di cui 8.500 solo negli Stati Uniti. È cresciuto giocando a calcio, baseball e softball dietro la Snug Harbor School, a pochi passi dal luogo di sepoltura del produttore di ciambelle. Eppure è venuto a conoscenza del pioniere della ciambella solo nel suo ruolo di custode del cimitero. “Tutti a Quincy sanno di Dunkin’ Donuts”, ha detto Logan. “Nessuno sa che il tizio che ha inventato la ciambella è sepolto proprio qui. Nessuno chiede mai di lui.” La famiglia Rosenberg che fondò Dunkin’ apparentemente riconobbe l’influenza di Gregory negli anni successivi. Secondo quanto riferito, hanno pagato per far erigere l’attuale lapide del capitano nel 1982, con una cerimonia con gli scolari locali, dopo che il suo lapide originale è scomparso.

Dunkin’ oggi vanta 12.600 negozi di ciambelle in 40 paesi

Di cui 8.500 solo negli Stati Uniti. Vende circa 2 miliardi di ciambelle e ciambelle Munchkin in tutto il mondo ogni anno, ha detto la società a Fox News Digital. Il capitano Gregory ha vissuto una vita drammatica di avventure in alto mare ben dopo la sua epifania adolescenziale. L’intrepidezza di Gregorio gli valse gli onori dalla stessa regina Isabella II di Spagna. Tra le altre pretese di fama, ha contribuito ad alimentare l’insediamento della California, fornendo rifornimenti, in particolare calce, dal New England, intorno ai pericolosi mari di Capo Horn, all’estremità del Sud America; e poi anche San Francisco, sulla scia della frenesia dello sviluppo causata dalla corsa all’oro.

Lungo la strada, Gregory salvò sette marinai spagnoli

Dall’annegamento a bordo di una nave che affondava. La sua intrepidità gli valse gli onori della stessa regina Isabella II di Spagna. L’autore Pat Miller mostra il tipo di lattina di spezie del XIX secolo che ha contribuito a ispirare l’invenzione della ciambella nel 1847. Sailor Hanson Gregory ha usato il coperchio della lattina per fare dei buchi nel mezzo delle palline di pasta prima di friggerle, al fine di garantire anche cucinando dappertutto. (Fox News digitale). Il capitano in seguito chiamò una delle sue figlie in onore di sua maestà, secondo Miller.

Gregory morì nel 1921, senza il pieno riconoscimento della sua creazione di tendenza.

La sua eredità come inventore delle ciambelle fu elevata, tuttavia, durante “The Great Donut Debate” del 1941 all’Hotel Astor di New York City, secondo un rapporto dello Smithsonian Magazine nel 1975. Il parente del capitano, Fred E. Crockett, parlò in difesa della famiglia. “Il capitano Gregory è stata una scelta unanime dei giudici.” L’avvocato di Cape Cod Henry A. Ellis ha cercato di sfatare l’affermazione della famiglia Crockett / Gregory, con un’alta storia secondo cui la ciambella può essere fatta risalire a una rissa tra pellegrini e nativi americani negli anni ’20 del Seicento, in cui un Wampanoag scoccò una freccia attraverso una palla di pasta di un inglese. “Il problema non è mai stato veramente messo in dubbio”, ha riferito Smithsonian. “La presentazione del signor Crockett includeva una serie di dichiarazioni giurate, lettere e altri documenti. Il capitano Gregory è stata una scelta unanime dei giudici”. L’industria consolidò la posizione di Gregory nel 1948, quando la National Bakers Association confermò il capitano Gregory come l’inventore della ciambella: il suo status di innovatore americano letteralmente inciso nella pietra che si affaccia sull’oceano su cui ha trascorso la sua vita.

Facebook Comments

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.