Dal ripieno gustoso, questi cannelloni sono l’ideale per il pranzo domenicale. Non vi deluderanno!
Ingredienti:

Impasto dei cannelloni

– 350 grammi di farina di grano duro

– 3 uova

 Per il ripieno

– 200 grammi di ricotta di capra o mista con la pecora

– 200 grammi di funghi

– 200 grammi di radicchio

– 50 grammi di parmigiano grattugiato

-200 grammi di besciamella pronta

– 80 grammi di pomodoro passata

 

Dentro un recipiente di plastica abbastanza grande versate la farina, aggiungete le uova ed impastate fino ad ottenere una pasta liscia e compatta.

Avvolgetela in una pellicola e lasciatela riposare in un luogo fresco per circa un’ora, potete anche metterla nella zona bassa del frigorifero.

Cuocete in una padella antiaderente con un filo di olio prima i funghi e dopo un po’ aggiungete il radicchio, arrivati a cottura lasciateli raffreddare.

Tirate o con il mattarello o con la sfogliatrice la pasta per i cannelloni molto sottile di circa due millimetri, dopo tagliate dei rettangoli 10×15 cm circa.

Fate sbollentare la pasta in abbondante acqua salata per circa 40 secondi e poi lasciatela raffreddare.

Mettete in una ciotola la ricotta, poi i funghi e il radicchio, aggiustate di sale e pepe e con l’aiuto di un mixer o con una forchetta create un impasto asciutto e omogeneo.

A questo punto aggiungete il parmigiano e amalgamate ancora bene, dopo mettete un po’ di impasto al centro della sfoglia e arrotolate il tutto, inserite i cannelloni in una teglia con la chiusura dalla parte di sotto, inserite sopra la besciamella e il pomodoro e infornate nel forno preriscaldato a 180 gradi per circa 23 minuti.

Divideteli nei piatti, aggiungete una spruzzata di formaggio e servite il tutto ben caldo.

Abbinamento con i vini Italiani:

Qui abbineremo un vino aromatico, essendoci i funghi e il radicchio anche un bianco andrebbe bene. Il piatto è delicato, non molto robusto e poco persistente, un vino bianco con una gradazione alcolica un po’ più alta con una buona acidità in bocca e persistenza sarebbe il giusto abbinamento. Io consiglio un Tocai friuliano.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.