Bushwick: i 20 ristoranti più essenziali e imperdibili

0
220

Il quartiere Bushwick di Brooklyn è una destinazione per la vita notturna, l’arte di strada e, naturalmente, i ristoranti. Ecco i migliori 20:

Originariamente una comunità agricola: Bushwick

Oggi l’immagine che puoi conoscere oggi è piuttosto industriale. Questo perché decine di fabbriche furono costruite nel quartiere durante gli anni 1850 e 1860, attirando lavoratori immigrati dalla Germania e più tardi dall’Italia. Le comunità di artisti cominciarono a popolare il quartiere già negli anni ’80 e poco dopo vennero le gallerie d’arte ultra-hip. I magazzini musicali convertiti e i ristoranti che offrono una gamma di cucine globali. Oggi, l’affiatata comunità è prevalentemente nera e latina. Mentre il quartiere è stato significativamente imborghesito come i suoi vicini Williamsburg e Greenpoint. Ci sono ancora aziende a conduzione familiare che si aggrappano alla loro terra nonostante i prezzi immobiliari in rapido aumento.

Situato tra East Williamsburg, Bed-Stuy, Ridgewood, Queens e Cypress Hills

L’ampiezza culinaria della zona va da umili taquerie a rinomate pizzerie. Per qualsiasi cosa tu abbia voglia di fare, ecco alcuni dei nostri ristoranti preferiti di Bushwick:

1 . Sobre Masa Tortilleria


Lo chef Zack Wangeman, originario di Oaxaca, e sua moglie Diana hanno ampliato il loro concetto originale di Sobre Masa con questo debutto nel 2021. Lo spazio è diviso tra una fabbrica di tortilla e un negozio al dettaglio nella parte anteriore. Poi una taqueria da 60 posti e un bar a ferro di cavallo nel retro. Qui, l’attenzione si concentra sulla selezione giornaliera di tortillas fatte con masa da più di una dozzina di varietà di mais heirloom provenienti dal Messico. Il risultato sono tacos sani e saporiti ripieni di proteine come Al Pastor marinato all’aceto di ananas, Short Rib Bistec e Cauliflower all’aglio. Accompagnati da una serie di salse assortite. Progettato dal direttore delle bevande Gaston Graffigna (Bua, The Winslow). Il menu dei cocktail mette in evidenza anche i sapori messicani con il In the Clouds (rum, liquore di mais, lime disidratato). E un’interpretazione del martini al mezcal, Papazote (vermouth con epazote, Chartreuse gialla, bitters alle olive).

2 . Il Bunker a Bushwick


Dopo aver chiuso brevemente i battenti nel luglio del 2021, armato di un menu rinnovato, il ristorante vietnamita casalingo Bunker ha riaperto all’inizio del 2022. Guidato dallo chef Jimmy Tu, ex allievo di Eleven Madison Park. Il locale si è spostato dal cibo di strada di Hanoi a una sostanziosa interpretazione della cucina vietnamita. I banh mi al barbecue, precedentemente amati, sono ancora al centro dell’attenzione. Insieme alle sublimi aggiunte di una braciola di maiale affumicato alla citronella con riso fritto vietnamita. Il caramello al gambero selvatico (zenzero, peperoncino, uovo di quaglia, taro fritto). E il pollo affumicato Phở (che era un successo da tutto esaurito nel menu originale).

3 . Sofreh Cafe

Uno dei tre concetti dello chef e proprietario Nasim Alikhani, questo caffè gemello del ben consolidato Sofreh a Prospect Heights. E’ incentrato su autentici e tradizionali prodotti da forno e tè persiani. Aperto nell’autunno del 2021, c’è una gamma di bocconi dolci e salati come il cupcake Yazdi con la crema di burro alla rosa; la pasticceria Latifeh (crema di pistacchio riempita tra due dischi di pan di spagna). Il pane Barbari con feta montata, burro e conserva di amarene, che sono perfettamente completati da una tazza di tè nero della casa mescolato con note di corteccia di cannella, petali di rosa e cardamomo. Grazie ai lunghi tavoli in comune, al wifi gratuito e al lucernario che filtra la luce del sole. Il locale è una sublime destinazione di lavoro a distanza o un luogo di ritrovo rilassante per il fine settimana.

4 . Bushwick: Bunna Cafe

Questo ristorante è incentrato sul ruolo integrale del caffè nell’economia e nella cultura etiope. Iniziato come pop-up e venditore di Smorgasburg. Il menu consiste in offerte di cibo vegano e vegetariano con punti fermi in stile comunitario come la firma Feast For Two. Che include nove antipasti (scegli tra Gomen, Keysir Selata, Misir Wot, Yater Kik Alicha, e altro). Oltre a Injera Rolls sul lato. Insieme al caffè preparato con cardamomo e chiodi di garofano, ci sono cocktail come il Cucumba! (gin, sedano, shrub di pompelmo, seltz di cetriolo).

5 . Carmenta’s

Incanalando i ricordi di essere cresciuti nelle famiglie italo-americane della East Coast, Paul Cacici e Domenick Gianfrancesco ricreano panini e pasta italiani senza fronzoli. Tipici della loro infanzia. Al bancone della gastronomia, ordinate un Meatball Parm, inserito nel pane Parisi Bakery di Little Italy, o un classico taglio freddo Carmenta’s Italian Combo. Che è impilato con mortadella, soppressata, peperoncino calabrese, mozzarella fatta in casa e cipolla rossa. In alternativa, il Rigatoni è un concorrente superiore sulla pasta-menu che consiste in salsa di vodka piccante, guanciale e grana padano.

6 . Falansai a Bushwick

La storia di questo ristorante vietnamita risale al 2013. Prima che lo chef Eric Tran (Blue Hill at Stone Barns) prendesse in mano la cucina nell’autunno del 2020. Mantenendo il nome e la cucina, ma con un menu rinnovato. I piatti stagionali à la carte vanno dallo Spicy Green Curry con verdure e teneri colli d’anatra in agrodolce e piccante al đặc biệt di quattro o sei portate in stile familiare. Lo spazio stesso sembra l’appartamento di un artista chic disseminato di piante, album in vinile appesi alle pareti e un sereno stagno koi nel patio sul retro.

7 . Faro

Dall’apertura nel 2015, questo locale stagionale New American ha contribuito a consolidare lo status di Bushwick come una potenza culinaria competitiva. Situato in un magazzino riconvertito da 50 posti, il locale presenta un’interpretazione contemporanea di piatti rustici che compongono il conciso e lodato menu. Guidato dallo chef Kevin Adey (Northeast Kingdom), la campana della palla è la pasta fatta in casa, che è fatta in casa da grani provenienti da Upstate New York, e proteine cotte nel forno a legna. I favoriti degli ospiti includono Scarpinocc (burrata, burro marrone, cavolfiore) e gnocchi romani (ragu di maiale, olio al peperoncino), insieme a piatti come mezzo pollo arrosto e merluzzo al vapore.

8 . Bushwick: Hartbreakers

Dalla squadra che sta dietro all’amato Champs Diner di East Williamsburg, ecco un altro concetto di tavola calda americana, Hartbreakers. In un locale veloce ed informale ispirato agli anni ’70, la specialità sono i panini di “pollo” fritto come il Picnic Basket (pancetta di seitan, cheddar vegano, cipolla rossa marinata e insalata di cavolo) o il Thunderbird piccante e saporito. Le patatine fritte croccanti sono una necessità e prendete nota che i posti a sedere al coperto sono pochi, quindi è probabile che si tratti di un pasto da portare via.

9 . Hills Kitchen

Una destinazione di spicco per i cibi di conforto nigeriani è un posto dell’Africa occidentale dai co-proprietari Hillary Uduh e suo cugino Promise Edoro. Prima di aprire questo ristorante di Knickerbocker Avenue, il signor Uduh proveniva da un background di cucina con la famiglia fin dalla giovane età e poi dalla proprietà di alcuni ristoranti in Nigeria prima di emigrare. Utilizzando i suoi anni di esperienza, il menu offre una varietà di zuppe, stufati e piatti come il riso Jollof con manzo o pollo, il porridge nigeriano piccante di piselli dagli occhi neri e le torte di carne sostanziose. Particolarmente popolare tra gli ospiti è l’abbinamento della zuppa Efo, carica di spinaci e carne di capra, con palline appiccicose di Eba di alto livello.

10 . Le Garage a Bushwick

Catherine Allswang, nativa della Normandia, che ha posseduto e cucinato in ristoranti in California e a Parigi, e sua figlia Rachel, ex interior designer, hanno trasformato questo ex garage in un affascinante bistrot francese in stile Art Deco. Dal 2015, le specialità della settimana come il menu da 30 dollari il mercoledì e le cozze (con patate al grasso d’anatra e un bicchiere di vino bianco) il giovedì hanno fatto guadagnare al ristorante un seguito dedicato tra la gente del posto. Le altre sere, esplorate un menu pieno di ricette familiari francesi come il Pollo biologico per due (patate schiacciate al timo, aglio confit) e il Risotto alla barbabietola e aneto condito con crème fraiche o fate un salto per una gustosa crêpe da brunch. I cocktail prendono il nome da icone storiche femminili come il Coco Chanel (gin, liquore alla lavanda, limone, spumante) e il Reine de’Medici al rosmarino.

11 . Maite

Un menu a rotazione di piatti stagionali di influenza europea e colombiana, scritto su una lavagna vicino al bar, vi accoglie nell’intimo ristorante di quartiere della socia e chef Ella Schmidt (Il Buco). Maite, che è una parola basca che significa “uno che è amato e dà amore”, offre una gamma di piatti condivisibili guidati dal comfort food, dalle Empanadas e dalle Patatine Yuca alla Burrata e agli Gnocchi con mozzarella e scalogno. Vini naturali di provenienza globale guidano il menu delle bevande, con ulteriori offerte di birra e cocktail della casa come The Moncrieffe (bourbon, liquore di bacche, amari di pecan).

12 . Bushwick: il Mao Mao

Il Mao Mao del proprietario Jugkrwut Borin crea un’oasi sotterranea per il cibo di strada e i piatti tradizionali thailandesi. Anche dietro il negozio di spiedini Lamoon, recentemente riaperto nel Queens, il locale di Borin è composto da posti a sedere in stile teatro, luci colorate, poster di film thailandesi, un proiettore gigante che riproduce una serie di film e una playlist vivace di brani che vanno dal Thai jazz all’hard rock. Per quanto riguarda il programma alimentare, ci si aspetta un’ampia varietà di piccoli piatti e antipasti principali, tra cui le arachidi fritte chiamate Tua Tod Sa Moon Prai e il preferito dagli ospiti Khao Mun Gai, che è pollo in camicia lenta e riso al grasso di pollo servito con zenzero, peperoncini e cetrioli. Un posto solido dove rilassarsi per un po’, sorseggiando lisce birre thailandesi; i tradizionali cocktail ya dong (whiskey di riso mescolato con prodotti botanici locali); o un tè freddo thailandese.

13 . Ops

Celebrando quest’anno il suo sesto anniversario, questo bistrot della pizza continua a servire le torte napoletane gonfie e gommose per le quali è diventato famoso. Guidato dallo chef Mike Fadem e dai soci Marie Tribouilloy e Gavin Compton, Ops è orgoglioso del suo processo di lievitazione naturale, facendo fermentare l’impasto per 26 ore e usando tutti ingredienti biologici, compresa una miscela di farina composta da farro, grano e semola. Tutte le pizze sono cotte in un focolare alimentato a legna per due minuti e sono accompagnate da una lista di vini naturali impressionantemente lunga e fornita di rossi e arancioni freddi.

14 . L’ Otis a Bushwick

Nascosto tra una fila di magazzini su Harrison Place c’è il negozio di sartoria trasformato in ristorante e cocktail dello chef Scott Hawley (Bluebell Café) e di sua moglie, Michelle Lobo-Hawley. Entrando nello spazio lungo e scarsamente illuminato, c’è un ampio bar in legno nella parte anteriore, seguito da un piccolo tavolo da chef di fronte alla cucina aperta e da una pittoresca serie di tavoli nella zona pranzo. Il menu consiste di cibo di conforto accessibile con una leggera influenza italiana come gli Gnocchi di primavera stagionali (salsa di funghi eherry, piselli, mais) e la Spalla di maiale brasata (pesto, miso, ricotta) con offerte dolci come la Torta all’olio d’oliva condita con mele caramellate. Visto che il locale è stato inizialmente concepito come un cocktail bar, il menu delle bevande è un punto di forza con specialità tropicali come il mezcal e l’ananas carbonizzato Revenge of the Line e il St. Pierre & the Dragon (rum, aloe vera, passionfruit, carbone).

15 . Roberta’s Pizza

Quando si parla del movimento delle torte napoletane, la pizzeria di Carlo Mirarchi, originario del Queens, è fondamentale per la conversazione. Da quando ha aperto i battenti più di un decennio fa, il locale è stato acclamato per le sublimi torte sfornate da un gigantesco forno a legna e un ambiente rilassato, completo di tavoli da picnic e di una panetteria in loco. Scegli tra una serie di dischi realizzati da esperti come lo Speckenwolf (mozzarella, speck croccante, funghi cremini, cipolla rossa) o vai per l’amato chili flake e Caciocavallo condito Famous Original. Oltre a questa sede originale di Bushwick, c’è un altro negozio a Brooklyn in Domino Park, così come altri due a Los Angeles e Singapore.

16 . Bushwick: il Sally Roots

Servire piatti abbondanti di prelibatezze caraibico-americane è la specialità del locale di quartiere Sally Roots. Prendendo il nome da una vecchia registrazione della Sally Ruth Records, questo locale, aperto nel 2016, comprende un bar centrale e un ampio patio. Le voci di menu soleggiate includono frittelle di conch da immergere in una salsa ranch al cocco; spiedini di gamberi marinati con mojo all’aglio; e Mofongo arrostito confit di anatra. Una serie di bevande tropicali come Catch a Fire (rum, ananas, purea di frutto della passione, Kool Aid) e un Sugar Cane Mojito possono essere trovati sul programma delle bevande.

17 . Taqueria Al Pastor

Fedeli al loro nome, questi tacos hanno guadagnato un alto livello di acclamazione in tutta la città. Con un interno ridotto all’osso, le tortillas di mais fatte in casa sono grigliate su ordinazione e poi generosamente farcite con carne di maiale tagliata a fette, coriandolo, cipolle crude, guacamole, pezzi di ananas e salsa rossa. Altri piatti forti sono il pesce fritto e i tacos di pollo alla griglia, così come una varietà di quesadillas e burritos con riso, fagioli e formaggio o patatine.

18 . Il Tong a Bushwick

Aperto per la prima volta nell’agosto 2020 e diretto dall’executive chef Chetkangwan “Jade” Thipruetree, Tong (che significa oro) serve piatti in stile Isaan dalla sua città natale di Khon Kaen, nella regione nord-orientale della Thailandia. Nel menu c’è una lista di 13 kub klaem (o piccoli piatti) che vanno dal Naem Khluk, un’insalata di riso croccante con grumi di salsiccia fermentata, alla tartare di manzo sufficientemente piccante chiamata Goi Neu. Inoltre, i commensali possono aggiungere un ordine di una classica insalata di papaya o una variazione salata come il Tum Poo Plara, che è fatto con pasta di acciughe fermentata e granchio.

19 . Tortilleria Mexicana Los Hermanos

In un edificio di mattoni a un piano dietro la porta di un garage si trova questa iconica fabbrica di tortilla e taqueria. Aperta nel 2006, la cucina consiste in un carrello parcheggiato all’interno, accompagnato da una manciata di tavoli pieghevoli e sedie di plastica per sedersi, che serve uno scarno menu di tacos, taquitos, tortas e tostados. Mentre si aspetta il proprio ordine di carnitas, cecina (manzo salato), pollo, bistecca di manzo o tacos vegetariani, si può osservare il personale della fabbrica che cuoce e insacca le tortillas di prima qualità attraverso le finestre di plexiglas.

20 . Bushwick: il Za-Ya

Aperto dal proprietario e chef di origine mongola Iveelt Bayart (Spice Market, Café Gray), questo negozio di ramen è una vetrina per il gyukotsu, un brodo di midollo di manzo, invece del più comune tonkotsu a base di maiale. Assaporate le offerte del menu dal lungo bancone o dagli intimi tavoli a due piani nella sala da pranzo, mentre sorseggiate caraffe di sake giapponese freddo e caldo. Suggeriamo di provare la specialità della casa Gyukotsu (costola brasata, germogli di bambù, cipolla dolce) e la variante piccante di manzo macinato Tan-Tan, o di optare per lo Shoyu a base di brodo di pollo con pancia di maiale e spaghetti spessi spremuti a mano.

Facebook Comments

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.