Ha appena 20 anni la nuova enfant-prodige della pasticceria italiana. La giovane Martina Russo, infatti, si è aggiudicata la settima edizione di Bake Off Italia 2019, il celebre cooking-show condotto da Benedetta Parodi e in onda come di consueto su Real Time. La ragazza, nel corso delle 14 puntate del programma, è riuscita a convincere con il suo talento e le proprie creazioni la giuria composta da Ernst Knam, Clelia D’Onofrio e Damiano Carrara, e durante la finale ha ottenuto anche l’approvazione del giudice speciale, lo chef Antonino Cannavacciuolo. Dopo essere stata incoronata miglior pasticciera amatoriale d’Italia, la trionfatrice ha anche svelato qual è il grande sogno che intende realizzare nella vita.

Definitasi «disoccupata per scelta», la 20enne bolognese vive con i genitori e durante la sua partecipazione a Bake Off Italia 2019 ha voluto portare sul piccolo schermo e mostrare agli esperti e al pubblico la sua grande passione per la cucina e per la preparazione di dolciumi che fino a questo momento aveva condiviso soltanto con la madre e il padre e con le amiche di sempre. Martina Russo ha ottenuto il plauso dello chef Cannavacciuolo non solo dopo la prova creativa, ma anche e soprattutto al termine di quella tecnica stellata, quando ai concorrenti è stato chiesto di riprodurre la torta cocco, arachidi e ananas creata proprio dall’ospite speciale dell’ultima puntata.

Gli storici giudici di Bake Off Italia.

Come richiesto dalla trasmissione, Martina ha anche proposto i dolci da inserire nel libro qualora avesse vinto (cosa che poi è accaduta realmente) il cooking-show. Innanzitutto ha presentato il dolce Mario (dedicato al padre) come ricetta veloce, mentre per quanto riguarda la pietanza al cioccolato ha optato per una torta rustica al cioccolato e nocciole. La torta al miele invece è stata la sua creazione senza glutine, mentre come prelibatezza per la copertina del volume ha preferito puntare su una torta con base biscotto al cocco, gelèe all’ananas, diplomatica al limone e mousse al gusto di mango.

La finale di Bake Off Italia 2019 e il trionfo di Martina Russo

La finalissima di Bake Off Italia 2019 ha visto sfidarsi quattro concorrenti: Rong, Riccardo, Hasnaa e Martina. Nella prima prova i talenti della pasticceria sono stati chiamati a realizzare un dolce a piacere utilizzando gli ingredienti selezionati da Antonino Cannavacciuolo: sale, ricotta, olio e limoni di Sorrento. Alla fine del confronto la giuria ha decretato l’eliminazione di Rong.

Bake Off Italia 2019: tutti in finale

Subito dopo si è passati all’impegnativa prova tecnica che – come anticipato in precedenza – ruotava intorno alla riproposizione della specialità di Cannavacciuolo, ossia la torta cocco, arachidi e ananas. Il meno convincente è risultato Riccardo che, di conseguenza, ha dovuto abbandonare la trasmissione, classificandosi al terzo posto.

Il confronto decisivo ha visto di fronte Hasnaa e Martina. Entrambe hanno dovuto cucinare ben quattro pietanze di pasticceria differenti: un dolce senza glutine (su richiesta di Damiano Carrara), un dolce al cioccolato (proposto da Ernst Knam), una ricetta veloce (chiesta da Clelia D’Onofrio), e infine una «torta da copertina», destinata ad apparire sul frontespizio del libro della vincitrice del programma. Dopo aver valutato gli esiti delle quattro ricette, i giudici del cooking-show condotto da Benedetta Parodi e l’ospite d’eccezione Antonino Cannavacciuolo hanno deciso di premiare Martina Russo.

Bake Off Italia 2019: le finaliste Hasnaa e Martina.

La vincitrice di Bake Off Italia 2019, visibilmente emozionata e felice, si è aggiudicata un viaggio a cinque stelle offerto da Secret Escapes e soprattutto la pubblicazione del suo primo libro di ricette edito dalla Rizzoli. Proprio in questa circostanza, Martina Russo ha spiegato qual è il sogno che intende realizzare ora che è riuscita ad imporsi come nuovo talento della pasticceria italiana: aprire ed inaugurare un negozio di pasticceria in stile americano che porterà il nome della nonna, Priscilde, ovvero colei che le ha insegnato ad amare quest’arte culinaria.

Facebook Comments