Si chiama Ultimo Tocco l’ultima frontiera del delivery per completare comodamente a casa propria i menù ordinati e rigorosamente di alta scuola culinaria. Si tratta di una soluzione utile per tutti coloro che non vogliono rinunciare a sapori sopraffini, ma allo stesso tempo non possono soffermarsi a lungo ai fornelli per i propri impegni di lavoro o familiari. I piatti, infatti, vengono preparati da food-designer professionisti affinché si possano conservare più a lungo e, soprattutto, possano essere completati e arricchiti con condimenti ad hoc inviati dai titolari dell’azienda.

Il Food Delivery conquista Milano e Roma

Il progetto è nato a Milano da due famosi food-designer, Paolo Barichella e Mauro Olivieri. L’idea è quella di garantire ai clienti ordinazioni online di menù di qualità che possano essere rifiniti tranquillamente tra le mura domestiche e non immediatamente, senza perdere ovviamente il gusto originale dei piatti richiesti. La startup è già attiva online e presenta diverse opzioni tra cui scegliere, comprensive degli ingredienti e di tutte le istruzioni necessarie per il completamento della ricetta. Si tratta di piccoli ritocchi che sono facili da effettuare anche per i meno abili in cucina, e per i quali servono strumenti o utensili comuni quali padelle o forno a microonde.

Ultimo Tocco: nasce il delivery di menù di qualità da completare a casa.

L’offerta è piuttosto variegata e presenta diverse ricette di risotti o pasta tra i primi, e ovviamente non possono mancare secondi, dessert e anche simpatici aperitivi. Tutto all’insegna della qualità e di ingredienti selezionati accuratamente e di prima scelta. I prezzi dei menù di Ultimo Tocco sono piuttosto abbordabili.

Ultimo Tocco: come funziona il nuovo delivery dei piatti da completare autonomamente

Soffermandoci sulle pietanze offerte nel dettaglio da Ultimo Tocco, tra le varietà di risotti disponibili si segnalano quelli alla milanese, alla trevigiana, agli asparagi e al tartufo. Il riso è esclusivamente Carnaroli italiano al 100%, la cui provenienza è certificata dal Distretto Rurale Riso e Rane del Parco del Ticino, preparato e idratato a temperatura bassa e abbattuto chicco per chicco.

La pasta, invece, è rigorosamente preparata con uova fresche di galline allevate a terra, con grano di prima scelta e trafilato al bronzo. Tra le qualità presenti, si ricordano agnolotti ripieni, garganelli o spaghetti alla chitarra. I piatti, una volta ordinati, vengono consegnati a casa accompagnati dai condimenti anch’essi scrupolosamente preparati con prodotti italiani, che vanno poi applicati dal cliente nella propria cucina.

Una particolarità del nuovo progetto di delivery sono i Toc, piccoli cestini di pasta frolla che possono essere riempiti e farciti chiedendo creme dai sapori decisi, oppure alla caprese, alla parmigiana e all’arrosto. E per chi vuole concedersi un aperitivo si può ricorrere al cosiddetto destrutturato, composto da un prosecco Mionetto Sergio in formato da 37,5 cl che va abbinato a dei cucchiai di finger-food che contengono del Jelly-Aperol accompagnato da scorzette di arancia naturale. Infine, per i più golosi, tra i dessert più richiesti ci sono le praline che possono essere farcite al gusto di Aperol, alla grappa invecchiata in botti di rovere o al mojito.

Una delle confezioni consegnate solitamente da Ultimo Tocco.

Le ordinazioni di Ultimo Tocco si possono effettuare ricorrendo all’applicazione Glovo dalle ore 11 alle 20. I menù selezionati verranno consegnati nel luogo indicato in contenitori di polipropilene riutilizzabili o in pratiche bustine monoporzione. I titolari dell’azienda ricordano che i piatti si possono consumare fino a tre giorni dopo la consegna e non si rischia di andare incontro ad alterazioni o alla perdita dei sapori originali.

Facebook Comments