Latti non latte: 7 cremose opzioni nelle tue caffetterie preferite

0
245

I latti non latte variano ampiamente nei negozi di caffè, quindi ci stiamo immergendo in tutte le opzioni: soia, mandorla, avena, cocco, macadamia, pistacchio. Il mercato del latte non caseario negli Stati Uniti è attualmente la categoria di alimenti a base vegetale più robusta in termini di vendite. Valutato a 2,5 miliardi di dollari nel 2020.

Il latte a base vegetale: latti non latte

Rappresenta il 35% di tutte le vendite di alimenti a base vegetale e il 15% delle vendite totali di latte (compreso il latte animale). Ha chiaramente guadagnato un pubblico al di fuori dei consumatori vegani, e questa popolarità si è estesa oltre i negozi di alimentari e nei negozi di caffè. I consumatori vogliono la possibilità di godere di latte non lattiero-caseario non solo a casa loro, ma quando ordinano il loro latte o cappuccino quotidiano.

La vastità di questo mercato

Il latte vegano, sta diventando sempre più comune trovare una serie di scelte nei negozi di caffè. Non più limitato alla sola soia o mandorla, sia le catene che i caffè indipendenti portano tipicamente una gamma di opzioni non casearie da un certo numero di marchi, dando alle un tempo dominanti Califia Farms e Oatly un po’ di concorrenza. Dalla classica soia al pistacchio emergente, ecco tutto quello che dovete sapere sulle opzioni di latte non lattiero per il vostro prossimo caffè.

Le 7 Opzioni di latti non latte nelle caffetterie:

1 . Latte di soia

Mentre una volta era l’unica opzione, la soia è stata gradualmente eliminata da molte caffetterie per far posto ai latti più nuovi. La soia ha anche perso il favore di molti consumatori a causa di qualche persistente contraccolpo di disinformazione che circonda questa innocente bevanda vegana (più su quest’ultimo punto qui – no, la soia non dà agli uomini “tette da uomo”). Personalmente siamo frustrati dal ritorno alla soia come opzione non casearia, perché l’originale ha i suoi meriti quando si tratta di caffè e bevande espresso. Il latte di soia non solo offre un’etichetta nutrizionale parallela a quella del latte di mucca (ciao, otto grammi di proteine complete), ma fa anche molta schiuma. Nelle mani di un barista decente e di una macchina per espresso funzionale, il latte di soia può trasformarsi in vellutate, piccole bolle di microschiuma che rendono “quella sensazione di primo sorso”, come dice Starbucks.

Il colosso del caffè ha introdotto il latte di soia nei suoi menu a partire dal 1997

E mentre fa ancora pagare un extra per questa bevanda non casearia, siamo sollevati che l’azienda abbia mantenuto la soia come opzione. Per quanto riguarda il gusto, il latte di soia per baristi (IE Pacific Barista Series Soy o la varietà zuccherata di Starbucks) ha un gusto neutro ed è felice di prendere un posto in secondo piano per evidenziare il sapore dell’espresso. Il latte di soia è anche abbastanza robusto da resistere al calore. Mentre altri latti possono cagliare o avere un sapore letteralmente bruciato, la soia rimane costante. Diamo alla soia un’altra possibilità e riportiamola nelle caffetterie.

2 . Mandorla

Il latte di mandorla è stato uno dei primi latti non caseari a detronizzare la soia. Guadagnando popolarità a metà degli anni 2010 – probabilmente un risultato del crescente successo del latte di mandorla di Califia Farms nei rivenditori – il latte di mandorla si è unito alla soia o l’ha completamente spodestata dalle caffetterie indipendenti e poi multi-locali. Califia Farms ha affermato che il suo Barista Blend Almondmilk – progettato specificamente per i baristi – era la prima scelta di latte vegetale in oltre 600 negozi di caffè leader nel 2016. Il marchio ha tirato fuori citazioni di clienti snob del caffè e di baristi in carriera – quelli che vincono i concorsi di latte art – per entusiasmarsi della superiore schiumosità e versatilità del latte di mandorla.

La trovata di marketing ha funzionato

E il latte di mandorla sta ancora andando forte come opzione di latte non-caseario su innumerevoli menu di caffetterie. Abbiamo scoperto che il latte di mandorla, anche una miscela da barista, non fa la stessa schiuma della soia. Ci vuole un barista esperto e una macchina per espresso molto costosa per ottenere risultati adeguati per quanto riguarda la microschiuma. Le bevande senza molta schiuma, come il flat white, il macchiato o il cortado, funzionano meglio con il latte di mandorla rispetto al latte o al cappuccino. Anche le bevande ghiacciate funzionano bene con il latte di mandorla, perché non c’è schiuma.

Per quanto riguarda il gusto

Abbiamo scoperto che il latte di mandorla può avere un sapore un po’ bruciato se il barista non tiene sotto controllo la temperatura di cottura. Una bevanda espresso dovrebbe essere pronta da bere non appena il tuo nome viene chiamato – se vuoi essere davvero tecnico, il latte non dovrebbe mai essere cotto a vapore sopra i 145 gradi Fahrenheit. Sfortunatamente, non tutti i caffè sono così specifici, quindi la probabilità che il tuo flat white al latte di mandorla abbia un sapore bruciato è ragionevolmente probabile. Per compensare questo, scegli una bevanda aromatizzata da abbinare al latte di mandorla. Un latte matcha con latte di mandorla maschererà facilmente qualsiasi sapore strano causato da un errore del barista.

3 . Latte d’avena

Mentre il latte di mandorla non è andato via, il latte d’avena ha certamente fatto del suo meglio per detronizzare il suo predecessore. Questa opzione non casearia era in gran parte sconosciuta negli Stati Uniti fino all’arrivo di Oatly nel 2018. Il marchio svedese ha introdotto lentamente il suo prodotto rivoluzionario mettendolo nelle mani molto capaci dei baristi più elitari e coerenti di New York City nel 2017. I clienti abituali delle caffetterie sono stati agganciati, e nel 2018 hanno potuto trovare Oatly nei negozi di alimentari degli Stati Uniti. Il marchio ha continuato la sua espansione nelle caffetterie, sbarcando alla fine nelle principali catene come Starbucks e Peet’s Coffee nel 2020. Il debutto di Starbucks è stato così celebrato che la catena ha sperimentato carenze di latte d’avena per mesi a seguito della domanda incessante e immediata dei clienti.

Oatly è ancora un giocatore importante nella scena del caffè, ma non è l’unico

Un marchio australiano chiamato Minor Figures ha iniziato discretamente a farsi strada nei caffè indipendenti e della terza ondata. Marchi di latte vegetale di lunga data come Pacific e Califia Farms hanno anche formulato prodotti di avena per stare al passo con la mania del latte d’avena. La gente ama il latte d’avena per molte delle stesse ragioni per cui la soia funziona così bene nelle bevande espresso. È denso e cremoso, fa facilmente la schiuma e non ha un retrogusto sgradevole. Nota: il latte d’avena è meno proteico del latte di soia, ma fornisce circa il doppio delle calorie per la stessa porzione di otto once.

4 . Latti non latte: il Cocco

Il latte di cocco non è mai stato così popolare come il latte di soia, di avena o di mandorla, ma si rifiuta di estinguersi. Starbucks porta ancora questa opzione della vecchia scuola, così come una manciata di negozi indipendenti. In termini di schiuma, il latte di cocco non è il più facile da lavorare. Questo latte è sul lato sottile, fare microschiuma è essenzialmente uno sforzo inutile. Come ci si aspetterebbe, il latte di cocco porta anche un leggero sapore di cocco non completamente mascherato dall’espresso. Funziona in applicazioni fruttate come i rinfreschi di Starbucks e le bevande Pink/Purple/Green, ed è anche un’opzione passabile per bevande ghiacciate che non coinvolgono la schiuma. Amanti del caffè, attenzione: correte il rischio di far cagliare il vostro caffè se usate il latte di cocco come cremoso.

5 . Macadamia

Come per il latte d’avena, c’è solo un giocatore importante nella categoria del latte di macadamia. Chiamata giustamente Milkadamia, questa azienda lattiero-casearia vegana è focalizzata sulle macadamie. Il prodotto Latte Da è stato creato per l’espresso e le applicazioni schiumose, e anche se non è così comune come l’avena o la mandorla, il latte di macadamia sta iniziando a superare la soia per quanto riguarda la disponibilità.

Le capacità di schiumatura del latti non latte di macadamia

Corrispondono a quelle del latte di mandorla, non sono eccezionali, ma un buon barista e una macchina da 5.000 dollari possono creare una microschiuma abbastanza passabile. L’opzione ha anche un gusto molto distinto. Non è abbastanza macadamia, ma è leggermente dolce e molto presente quando semplicemente accoppiato con l’espresso. Di nuovo, questo sapore può essere mascherato ordinando una bevanda aromatizzata come un dolce latte di macadamia mocha.

6 . Pistacchio

Nuovo di zecca sulla scena dei coffee shop, il latte al pistacchio potrebbe essere la prossima tendenza dell’avena non casearia. I leader dell’industria alimentare sono stati presentati al nuovo prodotto alla fiera Natural Products Expo West del 2022 a marzo, e il consenso generale è stato degno di svenire. Elmhurst 1925 ha allestito un bar retrò dotato di un barista esperto che ha preparato su richiesta cortados al latte di pistacchio e petit lattes. La microschiuma era a punto e il gusto era unico ma confortante e del tutto piacevole. Elmhurst sta attualmente acquistando il suo latte al pistacchio nei negozi di caffè. Tenete d’occhio questa opzione di latte non latticino nel vostro negozio locale nei mesi a venire.

7 . Latte ibrido

Non allineati a nessun latte, questi latti non caseari sono stati fatti esclusivamente per i negozi di caffè. Affermano di essere un mix di piante che offrono bevande extra vellutate per l’espresso che schiumano, si sentono e hanno lo stesso sapore del latte intero. Queste nuove opzioni sono in gran parte fatte di crema di cocco, olio, acqua e una sorta di proteina isolata come il pisello o il girasole. L’alto contenuto di grassi permette loro di creare una schiuma di qualità, ma a spese del consumo di ingredienti elaborati. Tre marche di latte ibrido non latteo che si fanno strada nei negozi indipendenti e in alcuni rivenditori includono Myracle Milk, Rebel Kitchen e Sproud. Il gusto varia tra le marche, ma le bevande aromatizzate sono le migliori per mascherare qualsiasi retrogusto. A causa delle loro capacità superiori di schiumare, optate per una bevanda calda con un latte ibrido, è quello che fanno meglio.

Facebook Comments

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.