Il coniglietto pasquale: dov’è nata la tradizione delle uova di cioccolato?

0
317

Le origini del coniglietto pasquale è un simbolo di festa che sembra non riflettere il sacrificio e la risurrezione di Gesù sulla croce. Tuttavia, è stranamente diventato sinonimo di coniglio e uova di cioccolato. Ecco da dove arriva questa similitudine.

Il coniglietto pasquale è diventato uno dei simboli della festa

La Pasqua è la festa cristiana che celebra la risurrezione di Gesù sulla croce. Come i cristiani sanno, la Bibbia non fa alcun riferimento a un coniglio magico che consegna uova di cioccolato, quindi è strano che l’animale sia diventato così sinonimo della festa di primavera. Le origini specifiche del coniglietto pasquale sono in realtà ancora dibattute fino ad oggi, con alcune teorie principali che offrono una spiegazione. Ciò che può sembrare più sconcertante, il fatto che il coniglio consegni uova di cioccolato è in realtà immerso in centinaia di anni di storia. È tutto profondamente simbolico e offre uno spaccato di come pensavano e sentivano gli antichi cristiani.

Perché celebriamo la Pasqua?

La Pasqua celebra la risurrezione di Gesù Cristo e le origini della stessa Pasqua possono essere fatte risalire alla Bibbia. Come credono i cristiani, Gesù fu tradito dal suo discepolo, Giuda, che lo cedette ai romani. A loro volta, i romani lo condannarono alla crocifissione e morì sulla croce in quello che oggi è conosciuto come il Venerdì Santo. Tuttavia, è risorto ed è tornato dai suoi discepoli la domenica di Pasqua, dimostrando di essere figlio di Dio, sostengono i cristiani. I cristiani ora celebrano questo evento durante le vacanze di Pasqua, uno degli eventi più importanti nel calendario della religione.

Ricette pasquali della tradizione ligure

Quali sono le origini del coniglietto pasquale?

Una delle principali teorie sulle origini del coniglietto pasquale è in realtà legata alle credenze pagane, niente a che vedere con il cristianesimo. Si ritiene che la festa di Eostre, in onore della dea della fertilità e della primavera, sia l’origine del coniglio. Il simbolo della dea era quello di una lepre, tradizionalmente sinonimo di fertilità a causa degli alti tassi di riproduzione dell’animale.

L’interpretazione moderna del coniglietto pasquale

Può essere fatta risalire al 1700. Gli immigrati tedeschi hanno portato con sé in America il mito di un coniglio. Era la storia di una lepre che depone le uova di nome Osterhase che deponeva uova colorate. Nel tempo, la tradizione unica è diventata così popolare in tutta l’America che è stata intrecciata nelle vacanze di Pasqua, a causa della simbologia condivisa di un coniglio.

Le origini di questo mito vengono dall’Europa Occidentale, principalmente nella Germania pagana

Durante le antiche festività tedesche, la Pasqua (Ostern) veniva festeggiata per celebrare una dea, Eostre, la dea della fertilità. Una leggenda racconta che un pomeriggio di primavera la dea Eostre era circondata da bambini. Per farli divertire trasformò in coniglio l’uccellino che aveva appoggiato sul suo braccio. I bambini erano molto felici per questa trasformazione, ma non l’uccellino che era rattristato. I piccoli, allora, chiesero alla dea di ritrasformare l’animaletto, ma purtroppo, nel frattempo era giunto l’inverno e la dea, esausta, non aveva più le capacità per farlo. Ritornata la primavera, la dea Eostre riacquistò le proprie forze e ritrasformò l’animale che, per la gioia di aver riottenuto la forma originale, depose delle uova colorate che regalò ai bambini e alla dea. La tradizione di regalare uova colorate è arrivata fino ai giorni nostri, così come quella del coniglietto Pasquale, sebbene il significato di questo dono sia mutato con l’avvento del cristianesimo nell’Europa del Nord. Le uova sono diventate il simbolo della rinascita di Cristo e la primavera esprime la forza che Dio dimostra nel cambiare le cose.

Facebook Comments

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.