Gin islandesi: i migliori per elevare il tuo Martini o G&T

0
441

I Gin islandesi sono in un campionato a parte. Durante un viaggio in Islanda, potresti anticipare giorni immersi nella generosità dell’isola. Esplorando da costa a montagna di giorno e riscaldandoti sorseggiando una vodka di notte. Mentre la prima previsione era accurata, quando si trattava della seconda, ci siamo trovati sorprendentemente a bere gin.

La maggior parte dei gin islandesi fa affidamento sulle sorgenti

In qualche modo un fenomeno globale, l’Islanda è rinomata per la qualità delle sue sorgenti naturali. Comprese le calde piscine geotermiche e le pure acque minerali glaciali. Che filtrano naturalmente attraverso la roccia vulcanica per creare alcolici. L’ingrediente chiave per gli eccezionali gin del paese. L’altro è costituito da botanici regionali unici che si sono adattati al duro ambiente naturale sulla terra del fuoco e Ghiaccio. Ecco cinque gin islandesi unici da provare nel tuo prossimo viaggio:

1 . Ólafsson Gin

Creato in omaggio all’amato esploratore e naturalista islandese del 18° secolo, Eggert Ólafsson, il gin omonimo è acclamato a livello internazionale, più recentemente, e ironicamente, ha guadagnato una medaglia d’oro come “miglior gin per un martini” dal Beverage Tasting Institute. Ólafsson Gin combina una base tradizionale di ginepro con botaniche floreali di agrumi e la bontà della terra islandese, tra cui timo artico nativo, muschio di montagna e betulla per un sapore rinfrescante ma complesso. Per quanto riguarda la morbidezza dello spirito, Ólafsson attribuisce all’acqua glaciale “pura e incontaminata” un pH elevato e una mineralità equilibrata grazie ad anni di filtraggio attraverso la roccia lavica nelle falde acquifere sotterranee.

Gin Tonic Day: La storia del drink estivo

2 . Gin Himbrimi

Presentato in due espressioni, Himbrimi Gin è un altro simbolo della sinergia tra la natura e tutto ciò che fanno i nativi islandesi. Nel 2013, il fondatore Óskar Ericsson si è ispirato alle erbe aromatiche e alle piante botaniche selvatiche lungo le rive dove ha pescato per creare un gin come “il compagno di pesca perfetto”:

  • L’Old Tom Gin color ambra si ispira alle ricette di gin dell’inizio del 18° secolo, utilizzando fiori di angelica e miele per fornire una dolcezza sottile “come niente che tu abbia mai assaggiato prima”, afferma il marchio. Himbrimi Winterbird Edition condivide lo stesso logo lunatico. il nome islandese dell’uccello acquatico è “paradiso urlatore”, che si traduce in Himbrimi. Ma è più amaro con bacche di ginepro e timo artico come base (tutto raccolto a mano da Ericsson). Anche se ho provato Himbrimi per la prima volta in un gin tonic, Ericsson ha prodotto il gin “da gustare direttamente dalla bottiglia”.

3 . Angelica Gin islandesi

Questo gin al ginepro, punteggiato da note agrodolci di spezie, prodotti botanici e frutta, inclusi rabarbaro, semi di Angelica, mirtilli, cumino e mirtilli rossi, è prodotto dalla 64°Reykjavik Distillery, una microdistilleria indipendente a conduzione familiare. Con un’etica del marchio di “cercare il sapore”, 64°Reykjavik fa affidamento su agricoltori e raccoglitori che conoscono la disposizione delle terre per sfruttare le estati artiche abbreviate e raccogliere in modo sostenibile le bacche e le piante botaniche responsabili del loro gin caratteristico.

4 . Gin rosa selvaggio

Negli Stati Uniti, quando le nostre bevande sono fluorescenti, di solito è un segno di aroma artificiale e alto contenuto di zucchero. Non è il caso del Wild Pink Gin. Prodotto con acqua pura delle montagne islandesi e naturalmente infuso con fragole che conferiscono la sua distintiva tonalità rosata, Reykjavik Spirits ha dedicato questa espressione come un’ode alla gente del posto o, come scrivono, “persone gentili che vivono in un ambiente difficile”. Versalo in un colpo di stato per un martini naturalmente colorato.

5 . Gin Stuðlaberg

Lo Stuðlaberg Gin non lascia alcun indizio sulle sue origini, poiché segue lo stile di produzione del London dry gin. Ma è super chiaro la sua dedizione all'”acqua più bella del mondo” d’Islanda. È inciso davanti e al centro sulla bottiglia. Prodotto da Hovendak Distillery, Stuðlaberg Gin è stato il prodotto fondante, facendo rapidamente un salto nella sua categoria, avendo vinto i World Gin Awards 2021 per “un delizioso inizio al naso con anice, liquirizia e agrumi… con un finale lungo e armonioso. ” Ravviva il tuo normale gin tonic con Stuðlaberg Gin, aggiungendo una ruota d’arancia e anice stellato per esaltare i suoi aromi naturali di finocchio.

Facebook Comments

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.