Airbnb amplia i suoi orizzonti per affiancare all’offerta di alloggi quella legata alle culture gastronomiche di tutto il mondo. Si chiama Esperienze in Cucina ed è una categoria del tutto nuova che punta a far conoscere ai viaggiatori che ricorrono al sito di camere in affitto l’arte culinaria e i sapori locali grazie a circa tremila ricette che vengono preparate in famiglia e che sono già disponibili online per almeno 75 Paesi. Il progetto non va confuso con le tradizionali cooking class che hanno finalità didattiche, mentre in questo caso si cerca di mettere a contatto i turisti con i gusti della tradizione e le intramontabili ricette della nonna da assaggiare in ambienti del tutto accoglienti e familiari.

Vuoi vedere il mondo? Con Airbnb bastano 80 giorni

Brian Chesky, uno dei fondatori del sito, ha spiegato che fin da subito insieme ai suoi collaboratori hanno capito l’importanza di abbinare ai viaggi l’elemento culinario per favorire la diffusione e la conoscenza di nuove e importanti culture. Dunque, con Esperienze in Cucina gli utenti potranno riscoprire l’importanza e la bellezza di mettersi ai fornelli per preparare dei gustosi piatti locali e classici e per avere anche un soddisfacente ritorno economico aderendo all’iniziativa. L’azienda in questo modo andrà incontro ad un’esigenza crescente nell’ultimo periodo tra la clientela che ha fatto segnare un incremento del 160% delle prenotazioni eno-gastronomiche sulla piattaforma.

Cos’è Esperienze in Cucina di Airbnb.

L’iniziativa targata Airbnb si avvale della collaborazione con Slow Food allo scopo di garantire non solo la qualità ma anche il pieno rispetto delle tradizioni delle varie esperienze culinarie proposte. L’associazione ha già dettato le linee guida principali per far sì che ogni pietanza presente in Esperienze in Cucina possa assicurare che ognuna di questa sia pienamente rispettosa del patrimonio culturale e gastronomico di ogni singolo Paese. In questo momento sono disponibili circa tremila proposte online, quindici delle quali ospitate in forma diretta dalla community di Slow Food.

Esperienze in Cucina: partecipa anche Mara Maionchi

L’innovativa categoria introdotta da Airbnb prevede anche l’introduzione di 100 Borse di Studio rivolte a tutti gli appassionati di cucina che hanno intenzione di prendere parte ad un workshop della durata di cinque giorni presso l’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo (provincia di Cuneo). Ai vari incontri parteciperanno vari docenti del suddetto Ateneo, affiancati da noti chef internazionali. In questo modo gli host apprenderanno le modalità utili per rendere delle ricette familiari una vera e propria opportunità economica e imprenditoriale.

Mara Maionchi farà parte di Esperienze in Cucina.

Tra le personalità attese ci sarà anche Nonna Nerina, affidabile host romana di 83 anni che, tramite la sua attività sul sito, è riuscita a guadagnare nel tempo circa centomila euro. Le 100 persone selezionate verranno inserite anche nel libro di cucina prodotto e firmato da Airbnb che, a partire dal 2020, illustrerà e conterrà le ricette migliori dell’intera community.

Infine è stato annunciato che Esperienze in Cucina avrà anche una partecipante d’eccezione. La produttrice discografica Mara Maionchi sarà protagonista di un’iniziativa speciale: il 15 dicembre accoglierà nella sua casa di Milano 6 clienti del sito che potranno gustare un pranzo della domenica basato su piatti tradizionali e genuini. Infatti la popolare giudice di XFactor proporrà il suo menù familiare, insegnando allo stesso tempo ai suoi ospiti come cucinarlo al meglio grazie alle sue ottime capacità ai fornelli.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.