Il classico succo di frutta è una bevanda decisamente molto utilizzata ma, nonostante gli scaffali dei supermercati siano pieni, c’è ancora molta confusione sul concetto di succo di frutta.

Considerati innocui e leggeri, i succhi di frutta non sono bevande salutari come il food marketing vorrebbe farci credere e spesso, purtroppo, sono presenti nel cestino della merenda di quasi tutti i bambini.

Che differenza c’è tra succo di frutta e nettare di frutta?

Il succo di frutta, “viene ottenuto da frutta sana e matura, fresca o conservata al freddo, appartenente ad una o più specie e avente il colore, l’aroma e il gusto caratteristici dei succhi di frutta da cui proviene. L’aroma, la polpa e le cellule del succo che sono separati durante la lavorazione possono essere restituiti allo stesso succo.” Questa è la definizione secondo la Direttiva 2001/112/CE, attuata in Italia con D. Lgs. n. 151/2004.

La frutta utilizzata, quindi, può essere:

frutta fresca;

ricostituita, cioè ottenuta da un succo precedentemente concentrato e disidratato, in questo caso bisogna indicare la percentuale di frutta fresca e concentrata presenti;

frutta surgelata (non è obbligatorio indicarlo in etichetta).

Il nettare di frutta, invece, è una bevanda contenente acqua e zuccheri aggiunti e la percentuale di frutta si abbassa fino al 50-25%.

Poi si entra nella categoria delle bibite a base di frutta in cui la percentuale di frutta si abbassa al 12% circa.

In tutti i casi, la legge prevede una lista di conservanti, per niente naturali. La loro assidua assunzione possono alla lunga portare gravi danni alla salute, ad esempio interagiscono con gli enzimi cellulari e distruggono la maggior parte delle vitamine a noi utili tra cui la tiamina conosciuta meglio come vitamina B1. Ma ora capiamo di cosa si tratta e soprattutto cerchiamo di individuarli sulle etichette dei prodotti che acquistiamo. Questi conservanti altamente tossici e irritanti, sono derivati dell’anidride solforosa e vengono catalogati con le seguenti sigle : E220, E221, E222, E223, E224, E226, E227, E228 .

La dicitura “senza zuccheri aggiunti”, invece, può essere utilizzata solo per i nettari di frutta che non contengono monosaccaridi o disaccaridi aggiunti né edulcoranti.

Purtroppo sempre più spesso vengono adottati dal marketing diversi stratagemmi per aggirare il consumatore! Per esempio, quando leggiamo “50% polpa di pesca”, non significa che il 50% di succo sia effettivamente costituito dalla polpa del frutto, bensì si tratta di un 10-15% di concentrato al quale è stata aggiunta una certa quantità di acqua per raggiungere il 50%.

A differenza della frutta fresca, i succhi di frutta non contengono fibra alimentare e tutti i micronutrienti e gli enzimi vengono persi nel trattamento termico ad alta temperatura delle prime fasi di produzione.

In sostanza un succo di frutta apporta calorie solo in forma di zuccheri, e in certi casi anche più di altre bibite zuccherate o gassate. Inoltre la frutta di partenza è quella di peggiore qualità, derivante dagli scarti del consumo fresco.

La scelta migliore, sia quando dobbiamo dare una bevanda ai nostri bambini, sia per dissetarsi o per ricaricarsi di energie, è senza dubbio quella di optare per delle spremute di frutta naturali. Le uniche in grado di apportare realmente le vitamine gli zuccheri semplici di cui abbiamo bisogno.

 

Dott.ssa Elisa Fiore

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.