Cina: gli 8 cibi originari ma che nel tempo sono arrivati a noi

0
166

Oggi dobbiamo ringraziare la Cina, per molti dei cibi che pensiamo siano le nostre stesse invenzioni, mentre questi 8 alimenti originati da loro.

Quali sono i cibi che provengono dalla Cina?

Mentre potresti pensare che gli gnocchi di pollo della Manciuria o il triplo riso fritto schezwan siano piatti cinesi, la maggior parte del cibo cinese è lontano da quello che viene regolarmente servito nella maggior parte dei ristoranti cinesi indiani. Il cibo di oggi può essere grasso, malsano e veloce, ma è completamente diverso dal cibo originario della Cina. Tuttavia, il commercio ha portato i cibi cinesi fino in Italia e negli Stati Uniti dove sono stati localizzati, raffinati e sono diventati una parte fondamentale delle nostre diete. I cinesi, simili agli chef in erba nei ristoranti stellati Michelin di oggi, hanno sperimentato i loro cibi, inclusa la fermentazione e il congelamento prevalentemente per preservare le loro proteine. Ecco gli 8 alimenti cinesi:

1 . Idli ( il riso della Cina )

Il riso al vapore Idli proveniva originariamente dalla Cina attraverso l’Indonesia, dove la pastella nera di urad dhal veniva appiattita e cotta. Questa versione dell’Idli era chiamata iddalige in kannada e non era né fermentata, né cotta a vapore fino alla morbidezza.
In sanscrito il Manasollasa del 1130 dC menzionava ‘iddarika’ e lo descrive come fatto di farina di urad fine modellata in palline e poi condita con polvere di pepe, polvere di cumino e assafetida. In Karnataka, un secolo dopo, l’idli è descritto come ‘leggero, come monete di alto valore’.

Ma come è arrivato l’umile Idli in India attraverso l’Indonesia?

I re indù dell’Indonesia venivano spesso in India tra l’VIII e il XII secolo, in cerca di spose. Hanno portato con sé i loro cuochi che sono venuti con l’abilità di prodotti fermentati, come tempeh (torte di soia fermentate), kecap (da cui otteniamo il ketchup) e qualcosa chiamato kedli, che lo storico del cibo KT Achaya dice, è come un idli. Poiché l’Indonesia aveva forti legami commerciali con la Cina, si dice che l’origine dell’Idli sia arrivata prima dalla Cina all’India attraverso l’Indonesia, che ha aggiunto la fase vitale della fermentazione del riso.

2 . Gelato

Il gelato è stato inventato per la prima volta nel 200 aC in Cina, quando una miscela di latte e riso veniva congelata impacchettandola nella neve. È stato portato in Italia dall’esploratore Marco Polo, che ha introdotto gli italiani a una granita di latte congelato e spezie legate insieme da farina di riso che oggi è stata reinventata in 100 gusti di gelato. Sì, l’origine del gelato gelato italiano, deriva dal concetto cinese di congelare latte e succhi per i viaggiatori lungo la via della seta.

Quando il congelamento del latte divenne popolare

I cinesi iniziarono a congelare i succhi altrimenti noti come i primi coni di neve al mondo. Man mano che la popolarità di queste rinfrescanti prelibatezze estive cresceva e i metodi di conservazione e trasporto della neve miglioravano, divennero lentamente disponibili per i commercianti. I cinesi costruirono pozzi per conservare il ghiaccio per le fresche bevande estive dove viaggiatori e mercanti si fermavano per rinfrescarsi con deliziosi succhi ghiacciati.

Ben presto, i carretti a mano che vendevano gelato

Al latte e alla frutta erano all’ordine del giorno per le strade di Pechino in estate, dandoci i primi venditori di “gelati” al mondo. L’ode cinese, scritta dal poeta Yang Wanli in lode di un rinfresco ghiacciato e croccante che “sembra congelato eppure sembra fluttuare”, suggerisce che qualcosa di simile si stava godendo in Cina già nel IX secolo.

3 . Ketchup

Se ti piacciono le tue patatine con il ketchup, rimarrai sorpreso di sapere che il condimento che più predilige le nostre patate fritte preferite arriva dalla Cina. Sì! Mentre vedrai più americani mangiare ketchup che cinesi, ecco come la salsa di pesce conservata si è trasformata in ketchup. Inventata in Cina nel 300 aC, la parola ketchup deriva dalla parola cinese ke-tsiap , che significa salsa di pesce in salamoia. Si ritiene che il sottaceto, che è stato aggiunto come aroma, sia originario del Vietnam, prima di viaggiare nel sud-est della Cina, da dove è arrivato in Malesia e Indonesia, dove il suo nome si è trasformato rispettivamente in kechap e ketjap.

È stato mangiato nel sud-est asiatico con il riso per un po’

Fino a quando i marinai inglesi innamorati della salsa ricca, densa e scura lo hanno riportato in occidente, dove gli chef hanno cercato di replicarne la consistenza e il sapore nel 17° secolo. Usavano acciughe o ostriche, funghi e noci per ricreare quei sapori. A sua volta, ketchup è venuto a significare un condimento composto da funghi. I marinai inglesi hanno portato questa salsa di funghi nel Nuovo Mondo o in America, dove gli chef locali hanno sostituito i funghi con pomodori facilmente reperibili creando il ketchup che viene imbottigliato e venduto in tutto il mondo come uno dei condimenti più formidabili del mondo.

4 . Anche la Pasta arriva dalla Cina

Nel 2005, gli archeologi hanno scoperto un groviglio di spaghetti simile a uno spaghetto nel nord-est della Cina. Questa scoperta era la pasta più antica e meglio conservata del mondo tenuta perfettamente sotto una pentola di terracotta capovolta. Questa è la prova che la pasta o la sua forma originale di tagliatelle tirate a mano, infatti, è originaria della Cina. Creato da una pasta di miglio macinato e acqua, i cinesi mangiavano la pasta con maiale e montone, proprio come si mangia oggi.

Quando nel 1274 Marco Polo, anche lui famoso per il gelato, arrivò in Cina

I cinesi avevano ben consolidato la loro cucina di pasta. Nei 17 anni che Marco Polo ha trascorso in Cina, cenando con artisti del calibro di Kublai Khan, ha sicuramente assaggiato i vari formati di pasta asiatica. Secondo un’edizione della “Descrizione del mondo” di Marco Polo, che il mercante veneziano scrisse dopo essere tornato in patria dall’Oriente, durante il suo periodo mangiò piatti simili ai maccheroni. Da quella breve menzione è nata la leggenda che il famoso esploratore debba aver introdotto la pasta in Italia. Cos’altro potrebbe spiegare il ponte gastronomico tra due paesi lontani?

5 . Sushi

Il sushi non è stato inventato in Giappone, ma in Cina per conservare il pesce. I cinesi avvolgevano il pesce intero in riso cotto e sale per preservare la carne. Spesso il pesce che alla fine sarebbe stato messo in salamoia poteva essere conservato fino a un anno, dopodiché l’involucro di riso veniva gettato via e il pesce conservato e raccolto veniva consumato. La combinazione di riso e pesce, ebbe origine nel III secolo lungo il fiume Mekong nel sud-est asiatico.

Nel 12° secolo in Cina

Questo metodo di fermentazione del pesce aveva viaggiato dal Mekong alla Cina, e poi in Giappone, dove era chiamato narezushi. Tuttavia, nel XVI secolo, nel periodo Edo, l’aceto ha sostituito il sale nel processo di conservazione, che è stato un importante passo avanti nello sviluppo del sushi. Ha anche dato vita al nome sushi, che si traduce in “riso all’aceto”. Oggi con il pesce all’aceto, quantità minori che offrono prodotti di qualità e varietà per saziare le papille gustative su misura è ciò che rende il sushi moderno unico in Giappone.

6 . kiwi

Originariamente noto come uva spina cinese, il kiwi è originario della Cina e non della Nuova Zelanda come si pensa comunemente. Il nome è stato cambiato da esperti di marketing, che non potevano vendere il frutto peloso come un’uva spina e quindi hanno deciso di cambiarne il nome in kiwi dal suono più carino.

Il suo nome originale in cinese, mihoutao “frutto del macaco”

Si riferisce all’amore delle scimmie per esso, secondo l’enciclopedia di medicina cinese del XVI secolo, il Compendio della Materia Medica . Gli esportatori agricoli neozelandesi Turners & Growers iniziarono a chiamare i loro uva spina cinesi diretti negli Stati Uniti “kiwifruits” il 15 giugno 1959 dopo il nome colloquiale dell’uccello nazionale peloso, marrone e incapace di volare della Nuova Zelanda . Ha anche aiutato il fatto che i kiwi fossero diventati il ​​termine colloquiale per i neozelandesi all’epoca.

7 . Alcool

In Cina, l’alcol è anche chiamato “l’acqua della storia” perché le storie di liquori possono risalire a quasi tutti i periodi della storia cinese. Le prime prove conosciute risalgono al 7000 a.C. in Cina, dove i residui nei vasi di terracotta hanno rivelato che le persone stavano preparando una bevanda alcolica con riso fermentato, miglio, uva e miele. All’inizio il miglio era il cereale principale per produrre l’alcol, il cosiddetto “vino giallo”.

Poi il riso divenne più popolare

Fu solo nel 19° secolo che le bevande distillate divennero più popolari. Dopo il processo di fermentazione, l’alcol cinese ha un profumo balsamico e un sapore dolce, senza piccantezza. Tradizionalmente, i distillati cinesi vengono consumati insieme al cibo piuttosto che bevuti da soli. L’alcol accompagna sempre piatti deliziosi, sia quando le persone si incontrano per la prima volta che quando i vecchi amici hanno una riunione.

8 . Miso

Conosciuto oggi come condimento giapponese, il miso ebbe origine in Cina nel III secolo aC o prima, dove si perfezionava la fermentazione dei semi di soia con il sale. È ancora conosciuto come jiang in Cina. Gli storici dell’alimentazione ritengono che i prodotti a base di soia come il miso, la salsa di soia e il tofu siano arrivati ​​in Giappone nel VI o VII secolo con la diffusione del buddismo, poiché erano una parte importante di una dieta vegetariana.

Hishio (醤) e altri alimenti a base di soia fermentata

Furono probabilmente introdotti in Giappone contemporaneamente al buddismo nel VI secolo d.C. In origine era una prelibatezza pregiata, apprezzata solo dalla nobiltà perché conteneva riso, un lusso ai suoi tempi. Tuttavia, quando la voce delle sue proprietà energetiche si è diffusa, i Samurai hanno adottato il miso come parte fondamentale della loro dieta.

È interessante notare la storia

C’era un elemento di classe riguardo a chi mangiava che tipo di miso. I ricchi proprietari terrieri, i reali oi samurai mangiavano solo il miso di riso che era stato preparato con un costoso riso bianco levigato. Contadini e braccianti usavano riso spezzato o altri cereali come miglio e orzo. Questo spiega perché il miso più scuro ottenuto da questi cereali ha ancora oggi la reputazione di “miso dei poveri”. Verso la metà del 14° secolo la popolarità del miso si era diffusa ed era apprezzato da tutti, dai reali ai braccianti; chi lo userebbe come alternativa alla valuta durante le difficoltà.

Facebook Comments

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.