St George Spirits festeggia 40 anni con un whisky single malt in edizione limitata

0
229

Se si entra in un qualsiasi negozio di liquori che si rispetti, le pareti sono tappezzate di liquori prodotti da distillerie artigianali provenienti da ogni angolo del Paese. Tuttavia, non è sempre stato così, soprattutto per quanto riguarda il whisky single-malt americano (uno stile che è molto vicino a diventare finalmente una categoria legalmente definita). L’artigianato è in piena espansione negli Stati Uniti, con oltre 2.000 distillerie attualmente in attività, secondo l’American Distilling Institute. Alcune hanno chiuso i battenti, mentre altre sono state assorbite da grandi aziende di bevande e hanno reso molto ricchi i loro fondatori. Ma ci sono alcuni OG indipendenti che vanno ancora forte. Un esempio è St George Spirits, un’azienda della Bay Area fondata 40 anni fa, molto prima che il bourbon diventasse il colosso popolare che è oggi. Per celebrare quattro decenni di produzione di gin, vodka, liquore e, naturalmente, whisky, la distilleria ha appena rilasciato il suo 40th Anniversary Edition Single Malt Whiskey, una bottiglia in edizione limitata che vale la pena di provare.

La storia del St George Spirits

Il lotto 1 del whisky single malt di St. George è stato rilasciato nel 2000, quando era possibile trovare una bottiglia di Pappy a meno di 100 dollari. Nel 2004, St. George si è trasferita nella sua sede attuale, in un hangar per aerei presso la stazione aerea di Alameda, appena fuori San Francisco, ed è qui che oggi vengono distillati questo whisky e molti altri liquori. La nuova edizione per il 40° anniversario è una rivisitazione unica dell’espressione principale del whisky single-malt della distilleria. Per questa versione, il capo distillatore e miscelatore Dave Smith ha campionato più di 600 botti diverse che stavano maturando nel magazzino, riducendole a 30 e scegliendone infine solo 14 da miscelare insieme. Si tratta di un’ampia campionatura, ma è uno di quei compiti che è impossibile far sembrare noiosi agli appassionati di whisky, perché ogni singola botte offrirà qualcosa di nuovo e singolare. Quindi, sì, gridateci un fiume di whisky. Il mash bill è lo stesso che St. George utilizza da quando ha iniziato a produrre whisky nel 1997: 100 per cento orzo a due file che è stato tostato in cinque modi diversi, tra cui malto chiaro, malto cristallino, malto al cioccolato, malto nero e malto tedesco affumicato con legno di ontano e faggio. Sebbene alcuni di questi nomi sembrino deliziosi sciroppi da dessert, in realtà si riferiscono al particolare modo in cui l’orzo è stato tostato (il malto al cioccolato, ad esempio, indica che esalta i sapori del cioccolato nell’orzo).

La novità

Ciò che distingue questa nuova versione dagli altri whisky St. George sono le botti in cui è stato maturato, di età compresa tra i quattro anni e una delle botti più vecchie della distilleria. L’ex-bourbon è il principale tipo di botte utilizzato dalla distilleria, ma per questa versione ne sono state scelte diverse e il team ha fornito alcune spiegazioni sui motivi. La botte di porto è considerata la “corda del cuore” del nuovo whisky; la botte di brandy di mele apporta aromi di frutta e mentolo; la botte di cognac fornisce fresche note verdi; la botte di sherry è considerata un elemento “unificante”; la botte di Sauternes in stile californiano apporta aromi di sandalo e di tè Earl Grey; la botte di liquore giapponese umeshu aggiunge note di frutta tropicale; e la botte ex-bourbon è la nonna, la quarta che è stata posata nel 1999, quando la distillazione era in fase di avvio. “Le versioni speciali servono a condividere la nostra eredità e a fare una dichiarazione su dove siamo oggi e dove stiamo andando”, ha dichiarato Smith in un comunicato. “Siamo stati ispirati a finire una parte del nostro single malt per l’anniversario in botte umeshu, perché abbiamo scoperto che il nostro mash bill Lot Series si sposava perfettamente con i toni di frutta a nocciolo dell’umeshu e portava equilibrio al ricco peso delle botti di porto tawny fatte in casa da Lance”. Il whisky è davvero unico e diverso dalla maggior parte degli altri single malt che probabilmente avete già provato. Al naso saltano all’occhio ciliegia, uva, cioccolato e grandi note floreali. Il palato inizia con ricchi sapori di cioccolato fondente e caramello, seguiti da fichi, uva passa, agrumi e un soffio di fumo, il tutto sostenuto da un pronunciato carattere luppolato. Si tratta di un’esperienza di sorseggio molto complessa, frizzante e quasi saporita… sempre che riusciate a trovarne una bottiglia. Ne sono state prodotte solo 1982 (un omaggio non troppo velato all’anno di fondazione della distilleria), imbottigliate a 48% ABV, con un prezzo elevato di 500 dollari. È qualcosa che probabilmente siete più abituati a vedere su una bottiglia di Michter’s 10 Year Old Bourbon, sulla Buffalo Trace Antique Collection o su altre bottiglie di unicorni. Ma perché

Facebook Comments

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.