Dall’essenza di un rinomato olio extravergine di oliva è nato un sorprendente e raro profumo per la casa. È questo il risultato della collaborazione tra l’azienda olearia Laudemio Frescobaldi e la rinomata profumiera Laura Bosetti Tonatto. La presentazione del prodotto era attesa per il mese di marzo durante il Pitti Taste ma, in seguito all’annullamento dell’evento per l’emergenza coronavirus, è stato tutto rimandato. Raggiunta dal quotidiano La Repubblica, Bosetti Tonatto ha riassunto le carattestiche dell’inedita fragranza in queste tre parole: «Unicità, rarità e semplicità».

L’unicità è data proprio dal primo profumo domestico derivante dall’olio extra vergine di oliva, mentre la rarità viene dal fatto che si tratta di un prodotto che comunque ha una sua «complessità olfattiva». La semplicità, invece, deriva dalle olive e dalla frangitura. Matteo Frescobaldi, brand manager dell’omonima società, ha spiegato che la fragranza approderà sul mercato in edizione limitata e ha rivelato che l’idea è nata per celebrare l’annata 2019 che, fin da subito, è risultata «complessa, profonda e fuori dal comune».

La fragranza domestica Frescobaldi sarà in vendita in edizione limitata.

Infatti da un lato c’è un affascinante colore limpido e tendente al verde smeraldo, e dall’altro la fragranza è arricchita dal «bouquet olfattivo di carciofo, erba appena tagliata e una nota elegante di mandorla». La particolarià del profumo domestico all’olio Frescobaldi deriva da un’annata particolare che ha avuto una primavera sorprendentemente più fredda del previsto che, però, non ha fermato il corso della natura e la raccolta delle olive. E per omaggiare questa condizione l’azienda olearia ha pensato di creare un profumo ad hoc, rivolgendosi ad una maestra della profumeria come Laura Bosetti Tonatto.

Profumo domestico all’olio extravergine di oliva: le parole di Laura Bosetti Tonatto

Laura Bosetti Tonatto alla sezione Sapori del quotidiano Repubblica ha spiegato com’è nato questo prezioso profumo casalingo all’olio extra vergine di oliva. Ha affermato che, come suo solito, ha studiato a fondo il prodotto per capirne le caratteristiche e peculiarità e per rispettare appieno la sua fragranza. Ad esempio, non avrebbe mai potuto associarlo alla vaniglia, altrimenti avrebbe danneggiato la struttura olfattiva dell’olio.

La maestra profumiera Laura Bosetti Tonatto.

La maestra profumiera ha descritto le caratteristiche della sua ultima creatura nata con la collaborazione dell’azienda Frescobaldi. Ha detto che per le note di testa ha optato per quelle fresche dei fiori d’arancio e dell’erba appena tagliata, aggiungendovi poi «l’energia allegra del cassis». Le cosiddette note di cuore, invece, sono quelle più durature e di solito si scelgono aromi fruttati e floreali. In questo caso l’esperta ha optato per l’eleganza della mandorla «ottenuta attraverso la distillazione del nocciolo dell’albicocca». Infine ci sono le note di fondo, quelle che risultano più «amare, piccanti e persistenti» perché derivano dalla pronunciata composizione fenolica di quest’olio extravergine di oliva.

È arrivata la Guida agli extravergini 2020

Infine Bosetti Tonatto ha rivelato di aver fatto ricorso al vetiver, una delle materie prime più utilizzate nel settore della profumeria soprattutto per le fragranze maschili, mentre il pepe è risultato utile per tradurre «la piccantezza e la profonda vivacità di carattere di quest’olio».

La maestra profumiera ha detto che questa è stata la sua prima esperienza di lavoro con un olio, e non l’ha trovata particolarmente complessa perché di solito la profumeria e la degustazione alimentare si sposano bene tra di loro. Tutto ciò si verifica soprattutto per gli olii, e non a caso lei lavora spesso a contatto con quelli essenziali che rilasciano delle essenze che senza di loro non sarebbe possibile ottenere.

Ricordiamo, infine, che la Home Fragrance Laudemio Frescobaldi è ottenuta da una base del tutto naturale fatta di alcol. Si tratta di un’edizione limitata che verrà immessa in commercio accanto alle bottiglie da 500ml dell’azienda olearia.

Facebook Comments