Isola irlandese offre il lavoro dei sogni (Galleria immagini)

Abbandonare tutto e trasferirsi su un'isola (quasi) deserta: questa è l'offerta proveniente dall'arcipelago delle Blasket al largo della costa sud-ovest dell'Irlanda

0
1401
isola irlandese

Per gli amanti dell’avventura quest’isola irlandese fornirà un’esperienza indimenticabile. Anzi di più. Una “vacanza retribuita”. Scopriamo insieme l’iniziativa del gruppo di tutela del patrimonio di questo minuscolo arcipelago sperduto, sferzato dai venti del Nord.

Perché non un’isola irlandese?

Voglia irrefrenabile di mollare tutto? La risposta per voi potrebbe essere una sperduta isola irlandese. Sì, perché un’ottima occasione da cogliere potrebbe essere quella di candidarsi per un’offerta di lavoro alquanto insolita: gestire una serie di cottage e una caffetteria sulla Grande Blasket. Si tratta dell’isola principale di un piccolo arcipelago al largo della penisola di Dingle, sulla costa sud-occidentale irlandese. L’annuncio proviene direttamente dalla pagina Instagram dell’Ufficio del turismo dell’isola maggiore. Appena 6 km di superficie. La posizione è consigliata per due amici molto affiatati o per una coppia (che lo sia altrettanto). Ad ogni modo, i due “coraggiosi” gestori dovranno condurre gli alloggi presenti e la caffetteria. Dal 01 Aprile fino a Ottobre 2020, a seconda delle condizioni meteo. Vitto e alloggio sono gratuiti. Ci state pensando?

L’arcipelago

Le isole, disabitate dal 1953, offrono una serie di strutture “ammodernate”. Si tratta delle antiche abitazioni degli isolani che ora hanno abbandonato per tornare “alla civiltà”. Ora possono ospitare chiunque voglia godersi una pausa dalla frenesia delle città. Oltre che passeggiare immerso in una natura selvaggia e incontaminata, dominata dalla flora e dalla fauna locali. Potrete anche imbattervi in animali insoliti, come le simpatiche otarie o le tante specie di uccelli presenti. Un vero paradiso per gli amanti del birdwatching. Se la proposta stuzzica la vostra sete di avventure, il consiglio è quello di agire in fretta poiché la competizione è agguerrita. Le candidature, ad oggi, sono già 23.000 come attestano i promotori su Instagram.

I promotori dell’iniziativa

Quanto ai datori di lavoro si sono detti piuttosto sorpresi (se non stupefatti) del successo dell’iniziativa. Del resto, sono i primi ad ammetterlo. Su Instagram hanno pubblicato un post che lo conferma. “Siamo oltremodo sopraffatti dalla risposta per il lavoro riguardante la gestione degli alloggi e della caffetteria sulla Grande Blasket”. “Postando l’annuncio l’anno scorso, non credevamo di trovare qualcuno disposto a lasciare il lavoro, fare i bagagli e trasferirsi su di un’isola spesso sferzata dai venti, senza elettricità e senza acqua calda, situata nel bel mezzo dell’oceano Atlantico, al largo della penisola di Dingle“. Questo “Per sei mesi all’anno!” 

La sfida dell’isola irlandese

Prima di preparare la valigia, però, rifletteteci bene. Perché dovrete essere pronti a un vero e proprio “tuffo” nel passato e ad abbandonare tutti i confort a cui la modernità ci ha abituati. Si tratta, infatti, di trascorre sette mesi senza Wi-fi e con un unico ripetitore sull’intera isola. Oltretutto, in condizioni meteo non sempre favorevoli, senza acqua calda e con scarsità di quella potabile. Nonché con la limitata corrente elettrica generata dall’unica turbina eolica. E pensare che la “grande isola” è l’unica ancora abitabile.


1495: e Scotch whisky fu


Isola irlandese: le immagini mozzafiato


Se per voi la particolarità dell’esperienza o la beltà della natura circostante non dovesse bastare, potrete discutere l’ammontare dello stipendio con i promotori.

Facebook Comments

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.