Perché i giovani Z sono così poveri di vitamina D (e come ottenerla)

0
430

Assumete integratori di vitamina D e, se sì, con quale frequenza? Se siete della generazione Z e non avete ancora iniziato, è meglio che lo facciate, almeno durante l’inverno. Secondo un nuovo studio, infatti, i ventenni britannici hanno il doppio delle probabilità di avere una carenza di vitamina D rispetto ai loro nonni.

La ricarca sulla vitamina D nei giovani

La ricerca condotta dal fornitore di test sanitari YorkTest ha rilevato che il 42% dei ventenni britannici ha oggi una carenza di vitamina D, rispetto ad appena il 21% dei sessantenni e al 12% degli ultrasettantenni. Secondo l’NHS, la maggior parte delle persone, almeno da marzo a settembre, è in grado di produrre naturalmente una quantità sufficiente di vitamina D attraverso l’esposizione diretta alla luce solare. Ma una volta che gli orologi sono tornati indietro e si ricevono meno di otto ore di luce solare al giorno, la questione è diversa. La scienza suggerisce che l’invecchiamento di solito influisce sulla facilità con cui il nostro corpo è in grado di assimilare le vitamine, rendendo la carenza della generazione Z ancora più degna di nota. Tuttavia, secondo alcuni esperti, l’aumento del lavoro da casa significa che molti giovani trascorrono meno tempo all’aperto rispetto al passato per sperimentare i benefici dell’esposizione alla luce solare diretta. “È possibile che i cambiamenti nelle abitudini di vita, come il lavoro a distanza, abbiano portato un numero maggiore di giovani a trascorrere una quantità significativa di tempo al chiuso”, ha commentato il dottor Gill Hart, direttore scientifico di YorkTest. “Di conseguenza, non stanno raccogliendo i benefici dell’uscire all’aperto, come si potrebbe fare durante il tragitto per andare e tornare dal lavoro”. Con l’arrivo dell’inverno è fondamentale che tutti, indipendentemente dall’età, continuino a stare all’aria aperta il più possibile”.

I benefici della vitamina D

La vitamina D ha diversi benefici per la salute dell’organismo, tra cui la salute delle ossa, la prevenzione della depressione e dell’ansia, delle malattie cardiache e della caduta dei capelli. Quindi, nei mesi autunnali e invernali, è bene assicurarsi che i livelli non calino, anche se vale la pena notare che una nuova ricerca mostra che i benefici della vitamina D per la salute potrebbero essere stati sopravvalutati per coloro che sono altrimenti sani e non sono ad alto rischio per alcune condizioni ossee.


Come assumere più vitamina D

Secondo l’NHS, adulti e bambini a partire dall’età di un anno hanno bisogno di 10 microgrammi di vitamina D al giorno (sono incluse le donne in gravidanza e in allattamento e le persone a rischio di carenza di vitamina D). I bambini fino all’età di un anno hanno bisogno di 8,5-10 microgrammi di vitamina D al giorno. “Anche se può sembrare un luogo comune, uscire all’aperto durante il pranzo o le pause della giornata ha davvero dei benefici sia fisici che mentali. Tuttavia, se avete difficoltà, ci sono altri modi per aumentare i livelli di vitamina D che dovrebbero essere presi in considerazione”, afferma la dottoressa Hart.
Anche gli integratori possono incrementare l’assunzione di vitamina D, ma gli alimenti elencati di seguito sono tra i più ricchi di vitamina D e dovrebbero costituire una parte fondamentale della vostra dieta, ha aggiunto la dottoressa.

Olio di fegato di merluzzo – 1.360 UI* per 1 cucchiaio da tavola

Trota – 645 UI per circa 35 g di prodotto

Salmone – 526 UI per circa 100g

Funghi – 130-450 UI per 100 g trattati con luce UV

Latte vaccino – 120 UI per 237 ml se arricchito di vitamina D

Latte di mandorla, di soia e di avena – 100-144 UI per 237 ml se fortificato con vitamina D)

Sardine – 46 UI per due sardine

Uova – 37 UI per tuorlo d’uovo

Fegato di manzo – 42 UI per 85 g

Tonno in scatola – 268 UI per 100g

Formaggio – 17 UI per 43 g di cheddar

(10 UI / unità internazionale = 1 microgrammo di vitamina D)

Facebook Comments

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.