Singolare iniziativa di Burger King GB che in questi giorni sui social ha lanciato una campagna pubblicitaria per supportare la concorrenza. Su Twitter è comparso un post promozionale nel quale la sede britannica della catena di fast-food sottolinea: «Non avremmo mai pensato di chiedervi di fare questo. Ordinate da Mc Donald’s». A prima vista potrebbe sembrare uno scherzo, ma è la verità. Si tratta di un intervento volto ad evitare la chiusura e la conseguente perdita di diversi posti di lavoro in questo periodo in cui nel Regno Unito è scattato il lockdown per frenare l’impennata dei contagi di coronavirus.

L’obiettivo è quello di incentivare la clientela a sostituire i pasti nei locali (attualmente vietati dalla legge) con le ordinazioni a domicilio tramite il web. Solo in questo modo sarà possibile garantire ai vari fast-food inglesi la prosecuzione dell’attività, scongiurando così qualsiasi rischio di chiusura definitiva e di licenziamenti in massa di tanti dipendenti che si ritroverebbero improvvisamente senza un impiego.

Burger King Gb: la campagna pubblicitaria per salvare i fast-food dalla crisi.

Il segnale lanciato da Burger King GB è chiaro. L’azienda statunitense non solo ricorda ai consumatori di continuare a prenotare menu online da McDonald’s, ma menziona anche le altre società concorrenti del settore del fast-food. Tra queste ci sono KFC, Subway, Domino’s Pizza, Pizza Hut, Five Guys, Greggs, Taco Bell, Papa John’s, Leon, e altre attività indipendenti. Con una certa ironia, i responsabili della multinazionale americana scrivono che non si sarebbero mai immaginati di lanciare un messaggio pubblicitario di questo genere, ma in questa fase delicata è importante per salvaguardare la sopravvivenza dell’intero comparto.

L’appello di Burger King GB: «I ristoranti hanno bisogno del vostro aiuto»

Con una certa serietà (probabilmente per rimarcare che non si tratta di uno scherzo) Burger King GB evidenzia nel suo intervento in favore di tutti i fast-food che in questa fase di crisi tutti i ristoranti hanno bisogno dell’aiuto della propria clientela. Quindi è fondamentale non dimenticarsi che esistono le ordinazioni a domicilio da effettuare online. A questo punto, per provare a sdrammatizzare, nella campagna pubblicitaria si legge che ovviamente «un Whopper è sempre la cosa migliore, ma anche ordinare un Big Mac non è così male». Il Whopper, ricordiamo, è il panino-simbolo di Burger King.

Burger King consiglia di ordinare online anche da McDonald’s.

L’iniziativa della sede britannica della catena di fast-food sta ottenendo diversi apprezzamenti dagli utenti dei social network che hanno provveduto a condividere il post-appello dell’azienda. Non sono mancate le critiche da parte di chi ritiene che sarebbe il caso di preoccuparsi delle piccole attività che rischiano seriamente di fallire, mentre le multinazionali in qualche modo riusciranno a cavarsela.

Burger King e McDonald’s per il Pride

Tuttavia, la maggioranza delle persone ritiene che anche l’appello di Burger King sia meritevole perché mai come in questi mesi di criticità bisogna mostrare solidarietà ai lavoratori appartenenti a qualsiasi tipo di società o brand.

Facebook Comments