Notizie di Gusto e Dintorni,  Puglia,  Ristoranti,  Secondi Piatti

La gusto ricetta dei “Lampascioni Lessi”

Your ads will be inserted here by

Easy Plugin for AdSense.

Please go to the plugin admin page to
Paste your ad code OR
Suppress this ad slot.

Un’altra variante per la preparazione dei lampascioni

Come saprete, i lampascioni o cipollacce turchine sono delle vere e proprie ghiottonerie per la popolazione della Puglia. Questo speciale bulbo, simile dal punto di vista estetico ad una cipolla, si presenta come un alimento conosciuto soprattutto in questa regione e nella Basilicata.

Il resto d’Italia “purtroppo” non ha la possibilità di gustare questo speciale prodotto della nostra terra, ma se vi trovate in vacanza qui da noi, non potrete certamente fare a meno di scoprirli.

Ad ogni modo, i lampascioni a differenza di una cipolla tradizionale, hanno bisogno di molti anni per crescere: si parla addirittura di 4-5 anni, periodo per l’appunto utile per far crescere correttamente il bulbo e poi passare alla raccolta vera e propria. Ricordatevi, peraltro, che in cucina i vostri bulbi dovranno esser ben puliti per eliminare al meglio il sapore amarognolo del bulbo.

Come detto, i lampascioni si possono gustare veramente in tantissimi modi: ad esempio, potrete preparare i lampascioni fritti oppure sotto forma di frittelle. Oggi, però, ve li proponiamo in una variante assai semplice da realizzare, così che possiate assaporarli come vgustoso contorno in tavola, insieme alla vostra famiglia.

Oggi vi proponiamo un’altra variante per la preparazione di un piatto classico della tradizione gastronomica pugliese. Scopriamo insieme come preparare la ricetta dei lampascioni lessi!

Ingredienti:

  • 500 grammi di lampascioni
  • olio extravergine di oliva
  • sale e pepe qb

Preparazione:

  • Dopo aver pulito i lampascioni, lavateli ripetutamente.
  • Per togliere l’eccesso di amaro sarebbe meglio lasciarli per una notte intera in acqua fresca e il giorno dopo risciacquarli.
  • Lessateli in acqua bollente salata fino a che non saranno cotti.
  • Scolateli per bene.
  • Serviteli caldi conditi con olio, pepe (se volete anche una spruzzatina di aceto) ed una fetta di pane casereccio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *