Primi Piatti,  Puglia,  Regionali,  Ricette

I broccoletti Salentini detti anche i “Mugnuli”

Your ads will be inserted here by

Easy Plugin for AdSense.

Please go to the plugin admin page to
Paste your ad code OR
Suppress this ad slot.

Cosa sono i mugnuli

I mugnuli sono una deliziosa verdura tipica della provincia di Lecce e di tutto il Salento più in generale. Il loro sapore è delicato e molto gradevole, per nulla aggressivo. Fanno parte della famiglia delle crucifere, il che significa, detto in soldoni, che sono dei broccoletti, per la precisione un tipo di cavolo nero, salentino ovviamente. Essi spuntano in modo spontaneo, ma sono così buoni che oramai è consuetudine piantarli. Si possono acquistare sia presso i fruttivendoli, sia lungo le strade, presso i tanti ambulanti muniti di camioncino o di veicolo APE che si incontrano sovente in giro per il tacco d’Italia.

I mugnuli, interessante esempio di biodiversità!

La particolare e privilegiata posizione geografica del Salento, così proteso verso il mare e così vicino tanto all’Oriente quanto all’Occidente, fa sì che qui più che altrove si trovino forme di ortaggi altrove poco conosciute: i mugnuli ne sono un interessante e prelibato esempio!

I mugnuli, tanti nomi per un unico eccezionale ortaggio!

In Salento l’uso del dialetto è fortemente diffuso, ed ecco che i mugnuli, come spesso accade per tantissime altre parole, assumono diversi nomi a seconda del momento, del paese, della famiglia. Li troverete anche sotto il nome di cauli poeri, cauli paesani, spuntature leccesi, spuriatu.

Caratteristiche nutrizionali dei mugnuli

Come tutte le crucifere, i mugnuli hanno grandi proprietà antiossidanti. I mugnuli, nello specifico, contengono l’indolo 3 carbinolo, un elemento nutrizionale in grado di contrastare l’insorgenza di tumori. Ma non finisce qui: i mugnuli contengono anche il sulforafano, che agisce anch’esso a contrasto dei tumori, ma nello specifico quelli dell’apparato digerente. I mugnuli contengono poi tante fibre e tanti sali minerali, che si sa, fanno molto bene, e poi tanta vitamina C, perfetta per difendere l’organismo dai malanni stagionali poichè attivi sul sistema immunitario. Tante buone ragioni insomma, oltre al loro gustoso sapore, per acquistarli e gustarli in abbondanza!

Come si lavano e mondano i mugnuli

Acquistate un bel kg di mugnuli, poi tagliate solo le puntine con le infiorescenze e le foglioline più piccole. Gettate i gambi più grossi e coriacei. Sciacquate tutto in abbondante acqua fresca.

Come si cucinano e gustano i mugnuli

I mugnuli sono buonissimi se lessati in acqua bollente e poi ripassati in padella con un pò di olio extravergine di oliva, un pò di sponzale o cipollotto e una punta di peperoncino. Si tratta dei mugnuli “nfucati”. Se gradito, si può anche aggiungere un pò di formaggio, come una caciotta stagionata. Un altro piatto abbastanza comune con i mugnuli sono i mugnuli con la pasta (tagliatelle), ovvero tria cu li mugnuli. La pasta è sempre pasta fresca fatta con semola e acqua, mentre i mugnuli vengono semplicemente saltati con un pò di cipollotto o aglio a seconda dei gusti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *