Eventi di Gusto e dintorni,  Uncategorized

Alta cucina nel cuore di Courmayeur

Your ads will be inserted here by

Easy Plugin for AdSense.

Please go to the plugin admin page to
Paste your ad code OR
Suppress this ad slot.

“La cucina è di per sé scienza, sta al cuoco farla divenire arte” (Gualtiero Marchesi-Chef)

È quello che è riuscito a fare David Jesus, chef stellato del Belcanto, prestigioso due stelle Michelin di Lisbona, protagonista dal 25 Febbraio al 4 Marzo di Chef in Comune a Courmayeur.
Otto sono le cene di beneficenza in programma, che vedranno ogni sera 14 fortunati ospiti accolti nella Sala Consiliare di Courmayeur e i cui ricavati saranno interamente devoluti alla Onlus benefica “Food For Soul” di Massimo Bottura.

Il menù prevede una cucina fusion portoghese e valdostana. Insieme al merluzzo e ai gamberi pescati nell’Oceano Atlantico vicino alle coste del Portogallo, saranno cucinate castagne valdostane, fontine di alpeggio, pere e mele della Valdigne, la polenta e carne ‘bio’ di animali allevati in quota. Il tutto accompagnato da vini di produttori valdostani forniti da Lo Matson, Courmayeur Food Market, che in estate trasforma il centro del paese in uno dei più grandi mercati agricoli d’Italia.

Jesus indosserà anche i panni dello storyteller per proporre le ricette preparate per l’occasione e raccontare la storia di ogni piatto attraverso i sensi, portata dopo portata.

Lo chef portoghese è considerato uno degli eredi di Bottura, simbolo del Made in Italy in cucina: gli ospiti potranno intrattenersi con lui alla fine della cena e conoscere di persona uno dei massimi professionisti internazionali dell’alta cucina.

Le cene rientrano nel programma che animerà la città alpina durante la stagione invernale, che prevede anche, dal 17 al 20 marzo, la quarta edizione di Mountain Gourmet Ski Experience con ospiti gli chef inglesi Heston Blumenthal, Sat Bains (chef dell’omonimo ristorante di Notthingam), Claude Bosi eJason Atherton, chef e imprenditore che vanta locali in tutto il mondo, da Londra a Shanghai, passando per Dubai.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *